Boateng soffre: “Il Milan per me è ancora una ferita aperta”

Boateng soffre: “Il Milan per me è ancora una ferita aperta”

“Il Milan per me è ancora una ferita aperta. Guardo tutte le partite in tv e mi viene da piangere a vedere quella posizione in classifica. Ho scritto a mister Seedorf un messaggio di in bocca al lupo e sento ancora qualche mio compagno di squadra. È una situazione difficile,…

“Il Milan per me è ancora una ferita aperta. Guardo tutte le partite in tv e mi viene da piangere a vedere quella posizione in classifica. Ho scritto a mister Seedorf un messaggio di in bocca al lupo e sento ancora qualche mio compagno di squadra. È una situazione difficile, ma se carbura il fenomeno Mario Balotelli, non ce n’è per nessuno”. Così, Kevin Prince Boateng racconta la nostalgia per la sua ex squadra, il Milan, in una lunga intervista esclusiva rilasciata, insieme con la compagna Melissa Satta, al settimanale Chi, in edicola da mercoledì. KEVIN E MARIO — Nell’intervista, illustrata da un esclusivo servizio fotografico scattato nella nuovissima casa che il giocatore tedesco ha appena terminato di arredare a Dusseldorf, Boateng, che in aprile diventerà padre per la seconda volta, ha parole di stima e di affetto per tanti suoi ex compagni di squadra, in particolare Balotelli.

 

“Mario era il mio complice negli scherzi”, svela il calciatore tedesco. “Era convinto che io copiassi il suo look, i suoi capelli, che ascoltassi la sua musica. E io, per prenderlo in giro, gli dicevo ‘Sì Mario, sei il mio mito. Lui è così forte che quando prenderà piena consapevolezza dei suoi mezzi, sarà il più forte del mondo”. Molto più freddo, invece, il commento sul suo ex allenatore Massimiliano Allegri. “Non l’ho più sentito, perché dovrei? Il calcio è così. Oggi a te, domani…spero non a me”.

gazzetta.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy