Brutte notizie per il Milan, Maldini (ancora) durissimo! Sentite su Pirlo che dice…

Brutte notizie per il Milan, Maldini (ancora) durissimo! Sentite su Pirlo che dice…

Critico, tendenzialmente pessimista, sicuramente amareggiato. Per un passato disconosciuto, un presente anonimo e un futuro nebuloso. Così Paolo Maldini, voce critica verso un Milan che non riconosce più. Un mondo che guarda da fuori e non capisce. “Una volta non c’era solo Galliani, c’era una sinergia di uomini che sapevano…

Critico, tendenzialmente pessimista, sicuramente amareggiato. Per un passato disconosciuto, un presente anonimo e un futuro nebuloso. Così Paolo Maldini, voce critica verso un Milan che non riconosce più. Un mondo che guarda da fuori e non capisce. “Una volta non c’era solo Galliani, c’era una sinergia di uomini che sapevano quello che c’è da sapere e c’erano gli investimenti di Berlusconi. Oggi tutto è crollato“. Sono queste alcune delle dichiarazioni, molto pesanti e molto amare, che l’ex capitano rossonero ha rilasciato al mensile francese So Foot. “Ho visto due volte Barbara Berlusconi– ha continuato Maldini – lei mi aveva designato come il successore di Galliani per il settore tecnico, ma non ho più avuto notizie. Ero pronto, ma non se ne è fatto niente”. Chiaro il rammarico personale come chiara la difesa di Seedorf: “Clarence ha grande coraggio e personalità ma qui nemmeno Guardiola riuscirebbe a niente“. Parole di appoggio, cariche di stima, ben diverse da quelle dedicate a Galliani: “Quando Leonardo mi voleva a ogni costo come direttore sportivo Galliani disse ‘è una figura superata’. Non è vero. Se ti circondi di persone competenti fai meno errori. Facciamo l’esempio di Pirlo. Se l’allenatore arriva e dice: ‘Andrea è finito, non ne ho bisogno’, in società ci deve essere qualcuno che gli risponda ‘non è vero. Pirlo è un patrimonio della società, deve rimanere’. E ci saremmo evitati di fare un favore alla Juve“. (SportMediaset)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy