LAZIO, NIENTE DA FARE: CHAMPIONS – Incubo United – GRAFICA

LAZIO, NIENTE DA FARE: CHAMPIONS – Incubo United – GRAFICA

ROMA – Niente da fare: la Lazio non sarà testa di serie al sorteggio che domani deciderà quale sarà l’avversaria dei biancocelesti nel play off che mette in palio la fase a gironi della Champions League. Prima ancora che lo Shakhtar Donetsk scendesse in campo (per poi vincere e prendersi…

ROMA – Niente da fare: la Lazio non sarà testa di serie al sorteggio che domani deciderà quale sarà l’avversaria dei biancocelesti nel play off che mette in palio la fase a gironi della Champions League. Prima ancora che lo Shakhtar Donetsk scendesse in campo (per poi vincere e prendersi il posto nell’urna 1 anche a danno dei russi), la rimonta del Cksa Mosca sullo Sparta Praga aveva già segnato il destino della squadra di Pioli, esponendola così al rischio di un sorteggio durissimo. Perché – scrive il Corriere dello Sport – la rivale della Lazio uscirà da una lista che comprende il Manchester United come pericolo numero uno, seguito da Valencia, Bayer Leverkusen, Shakhtar e Sporting Lisbona.

Il sorteggio. Perché la Lazio finisse nel gruppo delle privilegiate serviva la doppia eliminazione di Shakhtar e Cska Mosca. Così non è stato. Il fatto che siano passate entrambe, con gli ucraini testa di serie e i russi nell’urna 2 insieme alla Lazio, imporrà un vincolo in più al sorteggio: nessuna comunicazione della Uefa ha cancellato la decisione dell’Emergency Panel dello scorso anno, che ha impedito a club ucraini e russi di incrociarsi, vista la delicata situazione politica. In sostanza: prima verebbe scelte l’avversaria dello Shakhtar Donetsk, pescando da un’urna con quattro formazioni, cioè Lazio, Bruges, Monaco e Rapid Vienna; poi si andrebbe al sorteggio libero, con United, Valencia, Bayer e Sporting in un’urna e nell’altra il Cska Mosca e le altre tre che nel frattempo avranno schivato la squadra di Lucescu. Vista dalla prospettiva della Lazio: o becca subito gli ucraini oppure, al secondo giro, una delle altre quattro.

Le insidie. E’ chiaro che l’incubo assoluto del sorteggio di domani si chiama Manchester United: i Red Devils (20 campionati vinti e 3 Champions alzate) sono al ritorno in Europa dopo un anno di assenza e non vogliono (nè possono) fallire l’obiettivo, cioè tornare in Champions con tutto quello che comporta, sul piano dell’orgoglio e soprattutto su quello finanziario. Ma attenzione anche alle insidie spagnole e tedesche. Il Valencia, posizione numero 12 del ranking Uefa figlia della cavalcata del 2014, torna nelle coppe dopo una stagione di assenza: l’ultima volta arrivò in semifinale di Europa League. Per un solo punto non ha soffiato all’Atletico il terzo posto che valeva l’accesso diretto ai gironi. Il Bayer Leverkusen, dove gioca il nostro Giulio Donati, l’anno scorso interruppe la sua corsa agli ottavi contro l’Atletico Madrid.

Champions Route. La Lazio è inserita nella League Route del tabellone, quella riservata ai piazzati. Dall’altra parte, nella Champions Route, ci sono i vincenti dei campionati meno importanti. Da quella parte, poche sorprese nel terzo turno preliminare (Q3). Teste di serie: Basilea, Celitc, Apoel Nicosia, Bate Borisov e Dinamo Zagabria. Non teste di serie: Maccabi Tel Aviv,Partizan, Malmö, Skënderbeu e Astana.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy