• SUL CAN. 669 DELLA TUA TELEVISIONE TROVI CITTACELESTE TV - 24 ORE AL GIORNO, IN DIRETTA, PER PARLARTI DI LAZIO!

Clamoroso: Domenicali si è dimesso dalla Ferrari

Clamoroso: Domenicali si è dimesso dalla Ferrari

Clamoroso ribaltone in casa Ferrari: Stefano Domenicali ha rassegnato le sue dimissioni. Il capo della gestione sportiva della scuderia di Maranello ha deciso di lasciare dopo questo inizio distastroso nel Mondiale Formula 1. Il sostituto scelto da Luca Cordero di Montezemolo è Marco Mattiacci, ex presidente di Ferrari Nord America.…

di redazionecittaceleste

Clamoroso ribaltone in casa Ferrari: Stefano Domenicali ha rassegnato le sue dimissioni. Il capo della gestione sportiva della scuderia di Maranello ha deciso di lasciare dopo questo inizio distastroso nel Mondiale Formula 1. Il sostituto scelto da Luca Cordero di Montezemolo è Marco Mattiacci, ex presidente di Ferrari Nord America.

 

Una scelta presa in autonomia al cospetto di una situazione tecnica critica che avrebbe comunque comportato pressioni e discussioni infinite. Così, da uomo, da persona onesta ha preferito dare una svolta a questa stagione difficilissima per le rosse, addossandosi responsabilità non sue, alleviando la pressione sulla squadra. Cosa che comunque non cambierà a breve di sicuro il distacco nei confronti della Mercedes che viene da motore, elettronica e aereodinamica, vale a dire da questioni squisitamente tecniche.

Domenicali ha 48 anni, è entrato alla Ferrari nel ‘91divenendo Team Manager nel 1996. Da dirigente ha gestito l’intera epoca Schumacher, dal 2002 al 2007 è stato direttore sportivo, assumendo la gestione del team nell’anno del titolo vinto da Raikkonen, con Jean Todt ormai impegnato nella campagna elettorale che lo avrebbe portato alla presidenza Fia. Sotto la sua gestione è arrivato l’ultimo mondiale Ferrari, quello dei costruttori, 2008, seguito da una serie incredibile di giornate sfortunate, che hanno tolto il titolo a Massa proprio nel 2008 –l’anno dello scandalo Renault a Singapore e del bocchettone benzina rimasto agganciato alla macchine dal brasiliano -il titolo ad Alonso nel 2010, causa un clamoroso errore dello stratega Chris Dyer, e nel 2012 quando due incidenti, provocati in Belgio da Grosjean e in Giappone da Raikkonen, tolsero di scena lo spagnolo che poi perse il campionato per 3 punti nell’ultima prova, in Brasile, con Vettel miracolosamente illeso dopo carambola al giro uno.

Domenicali resta un esempio di lealtà, impegno, professionalità. La Ferrari, con lui, ha avuto a disposizione mezzi economici ben inferiori rispetto all’epoca Todt ma ha anche ottenuto ben meno di quanto meritato sul campo. Così, crediamo, una perdita assai rilevante per la scuderia, per lo sport. Sarà difficilissimo sostituirlo, sarà complicatissimo così come è stato per lui, gestire una squadra in difficoltà, sarà facile rimpiangerlo. Dentro e certamente fuori dalla Ferrari.

DOMENICALI: “MI ASSUMO LA RESPONSABILITA'”

“Ci sono particolari momenti nella vita professionale di ognuno di noi in cui ci vuole il coraggio di prendere decisioni difficili e anche molto sofferte. E’ ora di attuare un cambiamento importante. Da capo, mi assumo la responsabilità – come ho sempre fatto – della situazione che stiamo vivendo. Si tratta di una scelta presa con la volontà di fare qualcosa per dare una scossa al nostro ambiente e per il bene di questo gruppo, a cui sono molto legato”. Questo il commento di Stefano Domenicali. “Ringrazio di cuore tutte le donne e gli uomini della squadra, i piloti e i partner per il magnifico rapporto avuto in questi anni – ha detto ancora Domenicali – A tutti auguro che presto si possa tornare ai livelli che la Ferrari merita. Infine, vorrei fare l’ultimo ringraziamento al nostro Presidente per avermi sempre sostenuto e un saluto a tutti i tifosi con il rammarico di non aver raccolto quanto duramente seminato in questi anni”.

MONTEZEMOLO: “GRAZIE PER I 23 ANNI DI SERVIZIO”

“Ringrazio Domenicali non solo per il costante contributo e impegno, ma per il grande senso di responsabilità che ha saputo dimostrare anche oggi anteponendo l’interesse della Ferrari al proprio”. Accettando le dimissioni, Luca di Montezemolo ha aggiunto: “Ho stima e affetto per lui, che ho visto crescere professionalmente in questi 23 anni di lavoro insieme e per questo gli auguro ogni successo. Voglio anche augurare buon lavoro a Marco Mattiacci, manager di valore che ha accettato con entusiasmo questa sfida”.

CHI E’ MATTIACCI

Marco Mattiacci, 43 anni, è di Roma. Sposato, ha tre figli ed è in Ferrari dal 2001. Dal 2002 si è occupato delle attività legate al marchio in Nordamerica, dal 2007 al 2009 ha lavorato in estremo oriente, in Giappone e poi in Cina dove ha seguito il lancio Ferrari. Dal 2010 e’ ad di Ferrari North America, mercato principale per l’azienda e ha seguito sviluppo delle Corse Clienti favorendo la crescita del Ferrari Challenge North America e assistendo i clienti nelle competizioni Endurance. (sportmediaset.it)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy