CorSera – Si contano le prime “vittime” di Seedorf. Sono 4.

CorSera – Si contano le prime “vittime” di Seedorf. Sono 4.

È sempre più il Milan di Clarence Seedorf. L’edizione odierna del Corriere della Sera, esalta il lavoro svolto fin qui dal tecnico olandese, che, dopo una partenza particolarmente scoppiettante a parole (dopo 15 giorni la dialettica si è normalizzata), comincia a parlare con i fatti. A cominciare dal mercato di…

È sempre più il Milan di Clarence Seedorf. L’edizione odierna del Corriere della Sera, esalta il lavoro svolto fin qui dal tecnico olandese, che, dopo una partenza particolarmente scoppiettante a parole (dopo 15 giorni la dialettica si è normalizzata), comincia a parlare con i fatti. A cominciare dal mercato di gennaio, portato avanti seguendo gli input dell’ex numero dieci. Sugli esterni sono arrivati Honda (che può giocare sia trequartista centrale che destro) e Taarabt, che stasera sarà in panchina (“Un talento vero”, assicura mister Clarence ). Il club rossonero, inoltre, fino all’ultimo ha provato a strappare Biabiany. Un segnale chiaro: il Milan, o meglio, Seedorf vuole mettere le ali. Se Essien è un valido sostituto per i due davanti alla difesa, è proprio in mezzo al campo – osserva il CorSera – che si contano le prime “vittime” dell’allenatore: uno come Poli, ad esempio, che con Allegri era stato impiegato molto, ora fa fatica a trovare spazio. E lo stesso vale per il giovane Cristante (che Seedorf intende gestire “senza bruciarlo”) e per il trequartista Saponara. Anche Abate, che oggi comunque giocherà dal primo minuto, sembra non essere più sicuro del posto da titolare. (TMW)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy