DIRITTI TV – Intercettazioni, ecco Lotito, Paparesta, Preziosi e Bogarelli: “Me stai a fa’ scoppia’ un casino là”

DIRITTI TV – Intercettazioni, ecco Lotito, Paparesta, Preziosi e Bogarelli: “Me stai a fa’ scoppia’ un casino là”

DIRITTI TV – Intercettazioni, ecco Lotito, Paparesta, Preziosi e Bogarelli: “Me stai a fa’ scoppia’ un casino là”

DIRITTI TV - Intercettazioni, ecco Lotito, Paparesta, Preziosi e Bogarelli:

ROMA – Capitolo diritti TV. Il Corriere della Sera ha pubblicato le intercettazioni telefoniche dei presidenti di Bari, Lazio e Genoa. La situazione è figlia della situazione di difficoltà del club pugliese che non può pagare gli stipendi dei giocatori. E’ la Infront a procurare i 500 mila euro anche su richiesta di Lotito, che mostra un particolare interesse mentre il 16 agosto parla con Bogarelli:

Lotito: «Marco… me stai a fa’ scoppia’ un casino là, eh?».
Bogarelli: «Eh, ca…! Io?.. Ma porca put…. tr…».
L.: «Ma, ma,… non è possibile per 500 mila euro…».
B.: «Ma no, ma li trovo… io».
L.: (…) «Ma succede il pu…».
B.: «Oh! Statte bono! Ho già chiamato Giuseppe (Ciocchetti, precisa la Gdf, ndr) e gli ho detto di farlo, lo facciamo noi oggi… oh, ca…! Digli… tieni i contatti con Giuseppe, lui sa tutto e lo fa oggi».
L.: «Siccome pe’ 500 mila euro poi le cose si siste… noi stiamo parlando di milioni d’euro… ca…» (…) «faje fa’ sto mandato di 500 mila euro così se lo toglie dal ca…».

Le cose paiono risolversi. Ciocchetti chiama il presidente del Bari, Gianluca Paparesta (indagato) e chiede: «Fammi una fattura tu a Infront» (…) «per il secondo sponsor di maglia, stagione corrente e stagione 14… no, scusami, sì 15/16».
Paparesta : «15/16… ok, va bene».

È il 28 aprile scorso, il patron del Genoa, Enrico Preziosi (indagato) è preoccupato. Infront gli ha promesso 15 milioni che eviterebbero alla squadra «punti di penalizzazione» e che sembra debba rimborsare. Non sono arrivati.
Bogarelli: «Beh, come è possibile?».
Preziosi: «No, no, mi ha detto che non hanno fatto… e io sono proprio in grave difficoltà perché…».
Bogarelli: «No, no, ma sei matto, scusami, ma ero sicuro che l’avesse già fatto al più tardi venerdì, chiamo subito».

I contatti tra Bogarelli, un manager di Rti e il presidente della Lega di serie B Andrea Abodi fanno sospettare agli investigatori «possibili criticità» nell’iter per la predisposizione del nuovo bando per i diritti di B 2015/2018. La Guardia di Finanza registra Bogarelli il 30 marzo che parla con Giorgio Restelli, direttore risorse artistiche di RTI, società Mediaset, che non è indagato, a differenza di Marco Giordani e Giorgio Giovetti, sempre di Rti. I diritti tv di serie B, però, poi andranno a Sky.
Bogarelli: (…) «Io metterei subito dentro anche il chiaro, non metterei il prezzo minimo».
Restelli: «Ah». B.: «Il che mi consente di non assegnare automaticamente e di fare delle valutazioni diverse… di congruità, di rete… di pippe, capito? quindi comunque fare un altro giro se il risultato è diverso dalle aspettative».
Restelli: «Le aspettative sono… più di 10, giusto?».
Bogarelli: «Le aspettative sì, sono più o meno intorno a quella cifra… però, al di là delle aspettative, dipende anche uno cosa propone, hai capito?».
Restelli: «Chiaro».
Bogarelli: «Quindi… quel tipo di valutazione Il concetto del pagamento per le riprese del campionato viene importato in Italia agli inizi degli anni 80 dal modello anglosassone. Nel 1993 nascono le prime pay-tv e i posticipi: oggi la serie A è trasmessa da Sky e Mediaset. se non metto il prezzo minimo posso permettermi di farla».
Restelli: «Ok… ok, ne parlo…».
Bogarelli:«Se vuole… se vuole digli… ne parli su… parli con Pasquale e casomai faccio chiamare da Mario», per la Gdf potrebbe trattarsi di Pasquale Cannatelli, amministratore delegato di Fininvest, e di Mario Morelli, legale di Infront Italy, entrambi non indagati.
Restelli: «Ecco, sì bravo, adesso provo a parlare subito con Pasquale e poi ti dico».

A «rafforzare» l’ipotesi di «turbative» c’è anche un’intercettazione tra Locatelli e Abodi, non indagato. 
Abodi: «Ho parlato con Marco e con Giorgio l’altro giorno», per la Gdf sono Marco Bogarelli e Giorgio Restelli.
Locatelli: «Ok».
Abodi: «Mi hanno dato appunto le indicazioni che hanno dato a te…» (…).
Locatelli: «No io pensavo, penso che la cosa necessaria adesso (sia, ndr) di uscire comunque, predisporre il bando, uscire, senza specificare un minimo in modo che questo ci consegna a noi la massima flessibilità».
Abodi: «Esattamente, volevo dirti la stessa cosa».

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy