• SUL CAN. 669 DELLA TUA TELEVISIONE TROVI CITTACELESTE TV - 24 ORE AL GIORNO, IN DIRETTA, PER PARLARTI DI LAZIO!

ECCO IL PRIMO VERO ACQUISTO: El Shaarawy e la fine del calvario: un rientro paziente e il vero obiettivo

ECCO IL PRIMO VERO ACQUISTO: El Shaarawy e la fine del calvario: un rientro paziente e il vero obiettivo

Il calvario di Stephan El Shaarawy sta finalmente giungendo al termine. Lunedì il giovane attaccante rossonero si è allenato con la Primavera di Inzaghi, ieri ha svolto parte della seduta in gruppo con la prima squadra, dedicandosi poi al lavoro atletico personalizzato. Il giocatore non vede l’ora di rientrare, anche…

di redazionecittaceleste

Il calvario di Stephan El Shaarawy sta finalmente giungendo al termine. Lunedì il giovane attaccante rossonero si è allenato con la Primavera di Inzaghi, ieri ha svolto parte della seduta in gruppo con la prima squadra, dedicandosi poi al lavoro atletico personalizzato. Il giocatore non vede l’ora di rientrare, anche se il Milan predica sapiente sapienza: forzare il ritorno potrebbe rivelarsi un grosso errore, considerando che il vero obiettivo è riavere il ragazzo al 100% per la prossima stagione. Dello stesso avviso anche Manuel El Shaarawy, fratello e agente di Stephan, intervistato sull’argomento dai microfoni di MilanNews.it: “Sta seguendo un programma day by day con i preparatori e non c’è fretta, vogliamo fare le cose con tutta calma per avere un pieno recupero di Stephan. Lui ovviamente non vede l’ora di tornare a giocare, questo è normale”.

 

 

TEMPI DI RECUPERO – L’imperativo sul tema El Shaarawy è il seguente: “Nessuna fretta”. Il Milan non prenderà nessun rischio, motivo per cui non è stata garantita una vera e propria tempistica per il ritorno del Faraone. Per ritrovare familiarità con il campo, l’attaccante savonese dovrebbe disputare qualche minuto con la Primavera, forse già nel prossimo match contro il Padova (in programma il 12 aprile). E per quanto riguarda la prima squadra? Questo dipenderà sia dalle risposte fisiche di Stephan, sia dalla situazione di classifica del Milan. Qualora la formazione di Seedorf fosse in piena lotta Europa League, un El Shaarawy pronto potrebbe offrire un contributo nelle ultime 2/3 partite. Viceversa, se la rimonta si arrestasse, il numero 92 verrebbe preservato il più possibile.

IL “NUOVO ACQUISTO” – I tifosi non amano questo termine, ma in questi casi è più che applicabile. El Shaarawy sarà una carta importante nel Milan della prossima annata, soprattutto se tornasse ai livelli della prima parte della stagione 2012/13. Il ventunenne savonese sarebbe perfetto nel 4-2-3-1 (o 4-4-1-1) di Clarence Seedorf, modulo nel quale si potrebbe esaltare al massimo. Il reparto d’attacco rossonero, con il ritorno di Stephan e il riscatto di Taarabt, potrebbe già ritenersi “completo” in vista del prossimo campionato, a patto che il Milan non decida di cedere qualche altro pezzo. (Milannews.it)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy