ESCLUSIVA MN – Repice: “Milan allo sbando. Addio Balotelli quasi certo, ma chi se lo prende?”

ESCLUSIVA MN – Repice: “Milan allo sbando. Addio Balotelli quasi certo, ma chi se lo prende?”

Ai microfoni di Milannews.it ha parlato in esclusiva il giornalista di Radio Rai Sport, Francesco Repice. Dopo l’eliminazione dalla Champions League, c’è stata la dura contestazione dei tifosi…e nel frattempo in campionato è arrivato il pesante KO casalingo contro il Parma. La zona Europa a questo punto sembra impossibile ed…

di redazionecittaceleste

Ai microfoni di Milannews.it ha parlato in esclusiva il giornalista di Radio Rai Sport, Francesco Repice.

Dopo l’eliminazione dalla Champions League, c’è stata la dura contestazione dei tifosi…e nel frattempo in campionato è arrivato il pesante KO casalingo contro il Parma. La zona Europa a questo punto sembra impossibile ed i rossoneri sono solamente a 12 punti dalla zona retrocessione…

“Mi sembra eccessivo parlare di zona retrocessione, ma è altrettanto vero che la squadra rossonera sembra abbastanza allo sbando al di là delle prestazioni offerte in campo. Se un allenatore, alla vigilia di una sfida delicata contro il Parma che sta facendo bene, se la prende con il suo predecessore, di fatto dicendo che la squadra è scarica sia a livello mentale che fisico; se i giocatori in campo, ed ho avuto modo di chiederlo direttamente a Seedorf a Madrid, non sono affiatati, è ovvio che la situazione sia preoccupante, soprattutto perché non si intravede la soluzione su come possa cambiare l’inerzia in questa stagione, che auguro al Milan finisca il più presto possibile”.

Nella contestazione sono stati presi di mira specialmente Balotelli e Galliani. Crede che a fine anno ci possa essere l’addio dei due, vista l’aria pesante?

“L’addio di Balotelli sembra quasi certo, ma io giro la domanda: Chi prende Balotelli? Chi è disposto a prenderlo? Questo ragazzo lo conosciamo da tempo; anche in Nazionale è sempre la solita storia. Io credo che debba decidere cosa voglia fare della sua vita. Venderlo è una parola, sulla carta, bisogna vedere chi è disposto a prenderlo, e che affare può fare il Milan “economicamente”. Per quanto riguarda Galliani, è la seconda volta che viene preso di mira; un’altra volta avvenne anni fa a Cagliari per la questione biglietti. Secondo me Galliani, che ha vinto tutto, non poteva sopportare l’arrivo di un altro dirigente, giovane seppur brava come la dottoressa Berlusconi. Diciamo che non sempre alle cose che vengono comunicate e dette (ed il Milan a livello di comunicazione è forse il primo club al mondo) uno ci deve credere”.

Tornando al calcio giocato ora il Milan è atteso da due trasferte difficili, come Roma, sponda Lazio e Firenze…

“Sono due gare complicate e non prevedo cose buonissime per Seedorf e la sua squadra. La Lazio in casa ha sempre gli stessi problemi e rende meglio in trasferta, come oggi. Sicuramente però non sarà facile per il Milan. La trasferta di Firenze, nel turno infrasettimanale, penso sia quasi proibitiva, anche perché i viola vanno a 300 all’ora, stanno ritrovando un grande attaccante come Gomez, giocano a memoria, e dopo il caos dello scorso anno (la famosa polemica dei viola contro il Milan n.d.i) penso che i rossoneri non avranno un clima proprio ospitale”. (Milannews.it)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy