Poco fa la notizia: trovato un bigliettino che fa tremare il calcio..

Poco fa la notizia: trovato un bigliettino che fa tremare il calcio..

ROMA – C’è un piccolo, grande giallo che rischia di avvelenare il finale di stagione della serie B. Un caso scoppiato a Frosinone al termine della sfida contro l’Entella (3-3) che ha tenuto i padroni di casa ancora a distanza dal Bologna e dalla zona promozione in serie A. Tutto…

ROMA – C’è un piccolo, grande giallo che rischia di avvelenare il finale di stagione della serie B. Un caso scoppiato a Frosinone al termine della sfida contro l’Entella (3-3) che ha tenuto i padroni di casa ancora a distanza dal Bologna e dalla zona promozione in serie A. Tutto è accaduto dopo il fischio finale del contestato arbitro, Aureliano di Bologna, colpevole secondo giocatori e dirigenti del Frosinone di aver espulso in maniera errata Soddimo addirittura a metà del primo tempo e poi di aver concesso un penalty all’Entella in pieno recupero consentendo così il pareggio. Il direttore generale dei ciociari, Salvini, ha sporto denuncia agli ispettori della Procura federale presenti allo stadio dopo che un vigile del fuoco aveva ritrovato sulla panchina dell’Entella un bigliettino con scritto “Pareggiamo su rigore”.

 

Scritto da chi? E perché? Domande inquietanti che si sono trasformate in un vero e proprio caso. Il Frosinone annuncia di voler andare fino in fondo alla vicenda e di aver contattato anche il presidente della Figc, Carlo Tavecchio: “Sono rimasto sorpreso e gli ho chiesto che non si tralasci nulla” ha raccontato il presidente Maurizio Stirpe. Il tema è scottante perché il Frosinone era una delle società citate dall’ormai celebre telefonata di Lotito al dg dell’Ischia Iodice, esempio di club che non poteva salire in serie A per preservare il valore dei diritti tv. Ora la nuova bufera, dai contorni ancora tutti da definire, su cui saranno chiamati a investigare gli uomini del procuratore Palazzi. (Panorama.it)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy