Hondà e non Honda. Il Giapponese ai tifosi: “Non sono una moto, ci va l’accento!”

Hondà e non Honda. Il Giapponese ai tifosi: “Non sono una moto, ci va l’accento!”

Honda-mania non è solo l’effetto speciale di un campione che spopola: in Giappone e oggi al Milan. Honda-mania non è soltanto il volto nuovo del Milan 2014 e della Nazionale di Zaccheroni al Mondiale brasiliano. Honda-mania è anche la ricerca della pronuncia giusta: noi che per 60 anni abbiamo dato…

Honda-mania non è solo l’effetto speciale di un campione che spopola: in Giappone e oggi al Milan. Honda-mania non è soltanto il volto nuovo del Milan 2014 e della Nazionale di Zaccheroni al Mondiale brasiliano. Honda-mania è anche la ricerca della pronuncia giusta: noi che per 60 anni abbiamo dato alla moto il nome conosciuto (Hònda, accento sulla o) e che ora vediamo stravolti l’uso e il consumo del cognome che il rossonero vuole sulla a (Hondà).
Dov’è l’errore? Da nessuna parte, crediamo.
Soichiro Honda (1906-1991), ingegnere, è stato il fondatore dell’omonima casa motociclistica giapponese, creata nel 1948. La pronuncia del cognome è stata sempre la stessa: accento sulla o. E come tale l’abbiamo condivisa, sulle strade, in sella, sui circuiti e in tivu: passioni e campioni.
Poi è arrivato Keisuke Honda, calciatore. E al suo sbarco alla Malpensa ci ha tenuto a far sapere –come riportato dal sito del Milan- che “la corretta pronuncia del mio nome e cognome è Kèiske Hondà”. (Nome senza la u, accento sulla e; cognome con la finale accentata). E ovviamente chiede (pretende) che lo si chiami così.
Detto e fatto. Non sarà facile né difficile optare per una o l’altra dizione: basta non confondere le due ruote col pallone. Comunque sia, a proposito di Honda, un ribaltone. (Sportmediaset.it)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy