• SUL CAN. 669 DELLA TUA TELEVISIONE TROVI CITTACELESTE TV - 24 ORE AL GIORNO, IN DIRETTA, PER PARLARTI DI LAZIO!

Icardi: “Non pagheremo”. L’attaccante nerazzurro provoca ancora Maxi Lopez postando altre foto con i figli

Icardi: “Non pagheremo”. L’attaccante nerazzurro provoca ancora Maxi Lopez postando altre foto con i figli

Icardi si è scatenato. Ancora una volta. Infatti, l’attaccante nerazzurro si è reso protagonista di una sequenza di tweet al veleno contro Tribunal Argentino de San Isidro e il rivale Maxi Lopez. Dopo che la sua compagna, Wanda Nara,è stata condannata a pagare una multa di 50000 dollari per ogni…

di redazionecittaceleste

Icardi si è scatenato. Ancora una volta. Infatti, l’attaccante nerazzurro si è reso protagonista di una sequenza di tweet al veleno contro Tribunal Argentino de San Isidro e il rivale Maxi Lopez. Dopo che la sua compagna, Wanda Nara,è stata condannata a pagare una multa di 50000 dollari per ogni riferimento alla separazione e ai figli sul web, è arrivata la risposta di Maurito: “Continuate a inventare multe, noi non paghiamo niente“.Mauro Icardi non ha preso bene la notizia della condanna da parte del Tribunal Argentino de San Isidro alla sua bella Wanda Nara. Il giovane attaccante nerazzuro è stato protagonista di dieci minuti di fuoco su Twitter, postando Tweet come: “Mi dispiace che non capiscano nulla di quello che facciamo noi! Non dobbiamo pagare niente, se volete scrivere qualcosa prima dovete sapere!”, o “Continuate a inventare delle multe, haha peccato che non esiste nessuna per mettere foto su Social Network. Continuate a scrivere!”.

Dopo qualche minuto di calma apparente ecco l’ennesima frecciata al rivale Maxi Lopez: una foto con due dei figli della bella bionda e del bomber della Sampdoria. Maurito ha chiuso la sequenza di Twett al veleno con due battute ironiche in spagnolo: “Le uniche multe che pago sono quelle del traffico” e “E le pago perché Wanda mi fa parcheggiare male“. (SportMediaset)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy