ULTIM’ORA – Lazio, arriva la conferma UFFICIALE: finalmente!

ULTIM’ORA – Lazio, arriva la conferma UFFICIALE: finalmente!

Di Alberto Abbate AGGIORNAMENTO ORE 18.00 (22/3) – Confermata la nostra anticipazione di giovedì scorso. Con l’infortunio di Perin, Conte ha deciso di convocare Marchetti per il doppio impegno contro Bulgaria e Inghilterra. Partirà insieme a Candreva e Parolo. ROMA (19 Marzo 2015) – Sesso, droga? No, rock and roll.…

Di Alberto Abbate

AGGIORNAMENTO ORE 18.00 (22/3) – Confermata la nostra anticipazione di giovedì scorso. Con l’infortunio di Perin, Conte ha deciso di convocare Marchetti per il doppio impegno contro Bulgaria e Inghilterra. Partirà insieme a Candreva e Parolo.

ROMA (19 Marzo 2015) – Sesso, droga? No, rock and roll. Balla Marchetti, s’allunga di nuovo che è una meraviglia. Strepitosa al 74′ la parata su Darmian, vale un gol, vale un partita, scalda tre punti nei guantoni. Questo è il vero Federico, un salto sotto la Mole così non lo faceva da tempo. E’ un peso piuma, ha un peso specifico, pesa nella corsa alla Champions. La difesa ora funziona perché anche questo portierone è tornato tale: un solo gol subito nelle ultime 5 giornate, 349′ minuti d’imbattibilità, record iniziato al 26′ della sfida col Palermo. Se Dybala non avesse infierito, la porta sarebbe rimasta inviolata per oltre 450′. Numeri record, numeri in volo, così si rimane ad alta quota. Marchetti spalanca le ali, copre tutta la rete, non ci sono pertugi. Adesso si spoglia di ogni angoscia, è fiducioso, dietro le sue spalle all’Olimpico sente solo una spinta.

 

ITALIA – Parla da leader con i compagni nel pre-partita, urla indicazioni alla difesa, esce a valanga sugli avversari, para quello che si può e pure l’impensabile. Federico è tornato il portieregaranzia della Lazio: merito di Pioli, soprattutto, che lo ha sempre considerato il titolare e lo ha dimostrato con le scelte, nei fatti. Anche quando nuove ombre sembravano addensarsi a inizio campionato. Il mister lo ha sempre difeso, ora divora i frutti. A Torino la ciliegina di Marchetti, che ha consumato anche un altro riscatto: con Conte s’era lasciato a settembre a Formello e in Figc, poi sotto il suo sguardo mentre usciva espulso col Genoa. Lunedì finalmente il ct ha rivisto il portiere che lo aveva conquistato quando ancora allenava la Juve. E, udite, udite: la porta dell’Italia potrebbe presto rispalancarsi per Federico. Per l’uomo che parò il suo destino almeno sette volte. Come i gatti, basta un guizzo felino.

GIALLI – Solo un neo in questa stagione, i troppi gialli per perdita di tempo, per i riti scaramantici. Per quello sguardo impossessato da un solo obiettivo. Marchetti ha la Champions negli occhi, ha fatto un patto con tutta la squadra il giorno del suo compleanno, lo ricorda in ogni allenamento. E’ un martello quel cin cin cin all’Europa che conta, un brindisi al Momo Repubblic. In questi giorni a Formello sta parlando tanto con la sua difesa, perché ha trovato un muro lì davanti e non vuole che un’ammonizione possa creare un buco Basta, de Vrij, Mauricio e Radu sono tutti sulla lista dei diffidati. In questo momento, forse, solo le fasce darebbero eguali garanzie con Cavanda e Braafheid. Non toccate il centro, ci mettiamo tutti dentro.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy