In coma per un assorbente interno: al risveglio non ricordava più nulla

In coma per un assorbente interno: al risveglio non ricordava più nulla

LONDRA – Ha rischiato grosso Joanna Cartwright, 27 anni, da Doncaster, South Yorkshire, finita in coma a causa di un assorbente interno. Ora a distanza di qualche anno ha deciso di raccontare la sua storia. La donna, madre di due figli, è stata vittima della cosiddetta sindrome da shock tossico…

LONDRA – Ha rischiato grosso Joanna Cartwright, 27 anni, da Doncaster, South Yorkshire, finita in coma a causa di un assorbente interno. Ora a distanza di qualche anno ha deciso di raccontare la sua storia. La donna, madre di due figli, è stata vittima della cosiddetta sindrome da shock tossico da tampone, ed è rimasta in coma per otto giorni. Una volta ripreso conoscenza, dopo aver combattuto per la vita, non riusciva più a riconoscere la sua famiglia. Aveva perso la memoria. “Quando mi sono svegliata non riuscivo a ricordare nulla. Mi hanno mostrato le foto dei miei figli, ma io non sapevo chi fossero”, le parole di Joanna. Piano piano è riuscita a recuperare e a superate tutto, “ma anche ora – spiega – ci sono grandi lacune nella mia memoria”.

LA SINDROME La Sindrome da shock tossico (TSS) è un’infezione causata da batteri che normalmente vivono sulla pelle, il naso o la bocca, ma possono invadere la circolazione sanguigna del corpo e rilasciare tossine velenose. (Leggo.it)
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy