Inter, Thohir: rabbia arbitri, perchè ci trattate così?

Inter, Thohir: rabbia arbitri, perchè ci trattate così?

MILANO – L’Inter è ancora in guerra contro gli arbitri. Non è una novità (basta ricordare l’anatema contro Giacomelli di Massimo Moratti il 18 novembre 2012, avversario sempre il Cagliari), ma anche questo preoccupa assai Erick Thohir che, parlando con i suoi più stretti collaboratori, ieri non si capacitava del…

MILANO – L’Inter è ancora in guerra contro gli arbitri. Non è una novità (basta ricordare l’anatema contro Giacomelli di Massimo Moratti il 18 novembre 2012, avversario sempre il Cagliari), ma anche questo preoccupa assai Erick Thohir che, parlando con i suoi più stretti collaboratori, ieri non si capacitava del perché fosse riservato questo trattamento alla sua squadra. A far tracimare la rabbia, l’ennesimo rigore non dato nel finale del match col Cagliari. Le giornate di astinenza sono arrivate a 27 – ultimo penalty ai nerazzurri, l’8 maggio contro la Lazio (fallo di Cana su Guarin), peraltro sbagliato da Alvarez – e l’Inter è rimasta l’unica squadra di serie A a non essersi ancora presentata a tirare dagli undici metri. A volerci fare una battuta, non si sa chi sia il rigorista di Mazzarri . L’interessato, ieri non l’ha presa con ironia e, nonostante l’ aplomb mostrato a telecamere accese, è apparso alquanto scocciato dalla piega che hanno preso gli eventi che rischiano di condizionare pesantemente la stagione e, con essa, il giudizio che Thohir può dare al suo lavoro. Ieri, per l’ennesima volta, il dg Fassone ha provveduto a farsi sentire con chi di dovere. 

 

SFORTUNATI… – Quanto sta accadendo ha incrinato pesantemente i rapporti tra il designatore Braschi e il club nerazzurro che non si capacita di come la classe arbitrale stia sommando tanti errori a danno dell’Inter. «Siamo sfortunati», il laconico commento di Mazzarri che ieri però non aveva ancora sbollito la rabbia per l’1-1: «Non è un lunedì tanto bello, non sono contento di com’è andato il risultato anche perché pensavamo di aver meritato di poter prendere tre punti – l’amarezza dell’allenatore nell’intervento a Sky – nel primo tempo abbiamo fatto fatica, mentre nel secondo non potevamo fare più di così per vincere. Purtroppo ci è andato tutto male e non è la prima volta che in questa stagione l’Inter, a fronte di buone prestazioni, non è riuscita a fare punti: dovevamo averne 6/7 in più. E qui c’è un po’ di rammarico… Col Cagliari, per esempio, la palla non voleva proprio entrare». Ora sotto con la Roma: «Garcia è bravo, mi piace come si pone anche con i media. Non lo conoscevo ed è un bene per il calcio italiano aver trovato un allenatore di questo spessore. A Roma ci aspetta una partita difficile e cercheremo di prepararla al meglio». Una gara, quella dell’Olimpico, che l’Inter affronterà con un Hernanes in più nel motore: «Hernanes ci può servire tanto quest’anno e anche in futuro: ha caratteristiche che non avevamo in rosa».

tuttosport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy