L’attore Paul Walker è morto in un incidente

L’attore Paul Walker è morto in un incidente

SANTA CLARITA (California) – L’attore Paul Walker, protagonista della serie cinematografica Fast & Furious, è morto in un incidente stradale a Valencia, a nord di Los Angeles. Aveva 40 anni. “E’ con profonda costernazione che ci troviamo a confermare che Paul Walker è morto oggi in un tragico incidente d’auto…

SANTA CLARITA (California) – L’attore Paul Walker, protagonista della serie cinematografica Fast & Furious, è morto in un incidente stradale a Valencia, a nord di Los Angeles. Aveva 40 anni.

“E’ con profonda costernazione che ci troviamo a confermare che Paul Walker è morto oggi in un tragico incidente d’auto mentre partecipava a un evento benefico per la sua organizzazione Reach Out Worldwide. Era passeggero dell’auto di un amico, ed entrambi hanno perso la vita”, si legge sulla pagina Facebook dell’attore.

La star di Fast & Furious era a Valencia per un car show per raccogliere fondi per le popolazioni colpite dal tifone nelle Filippine. La stampa locale riporta che la Porsche rossa si è schiantata contro un palo della luce e un albero e si è incendiata. Non è chiaro chi fosse alla guida.

Walker stava lavorando a un nuovo Fast & Furious, il settimo, con la regia di James Wan, la cui uscita era programmata per il prossimo luglio. Aveva da poco finito di girare Hours di Eric Heisserer, un thriller che negli States uscirà a metà mese.

Nato a Glendale, in California, il 12 settembre del 1973, Walker era figlio di una modella e di un appaltatore delle fogne. Era il più grande di cinque fratelli. La sua era una famiglia umile, mormone e la madre l’aveva portato sin da piccolo a fare provini. Non per lanciarlo nel mondo dello spettacolo, spiegava Walker, ma per contribuire a sbarcare il lunario. Aveva studiato biologia marina ed era un grande ammiratore di Jacques Cousteau. E ne avrebbe seguito le orme, se non fosse diventato attore. Una carriera iniziata prestissimo, la sua: dopo alcuni ruoli in tv, aveva debuttato al cinema a soli 13 anni, in Non aprite quell’armadio di Bob Dahlin. Il successo era arrivato nel 2001 con la prima pellicola della saga Fast & Furious, tra le più popolari produzioni del cinema d’azione. Nei panni dell’agente Brian O’Connor, infiltrato nel mondo della corse clandestine, aveva partecipato al sequel, al quarto, al quinto e al sesto episodio della serie, al fianco tra gli altri di Vin Diesel e Michelle Rodriguez. Ma anche a tanti altri film, tra i quali Flags of Our Fathers (2006) di Clint Eastwood. (Repubblica.it)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy