LACRIME PER MONTOLIVO

LACRIME PER MONTOLIVO

“Mi sono rotto”. Questa la drammatica esternazione di Riccardo Montolivo, che, subito dopo il contrasto con il difensore irlandese Alex Pearce e il forte dolore, ha immediatamente compreso la gravità dell’infortunio. Un labiale rubato in diretta dalle telecamere di Craven Cottage, che ha gettato nello sconforto la panchina azzurra, con…

“Mi sono rotto”. Questa la drammatica esternazione di Riccardo Montolivo, che, subito dopo il contrasto con il difensore irlandese Alex Pearce e il forte dolore, ha immediatamente compreso la gravità dell’infortunio. Un labiale rubato in diretta dalle telecamere di Craven Cottage, che ha gettato nello sconforto la panchina azzurra, con in testa il ct, Cesare Prandelli. La tibia del Monto ha fatto crack: per lui, l’avventura brasiliana è già finita ancor prima di cominciare. Otto minuti per dire addio al Mondiale e con esso la speranza (e l’obiettivo) di un pronto riscatto, dopo una stagione alquanto deludente.

 

 

INTERVENTO INEVITABILE – Frattura del terzo distale della tibia. Questo il responso della radiografia, effettuata al Chelsea Westminster Hospital. Montolivo, accompagnato dal dottor Luca Gatteschi, è stato prontamente trasportato in ambulanza al vicino pronto soccorso, con il morale – manco a dirlo – a pezzi. Immaginate il suo stato d’animo – ha dichiarato Gatteschi -, ha perso il Mondiale a pochi giorni dall’inizio. I tempi di recupero al momento non sono chiari”. L’unica certezza, secondo il parere del prof. Enrico Castellacci, è che il giocatore dovrà sottoporsi a un intervento chirurgico: “Composta o scomposta, una frattura viene operata perché abbia un assestamento migliore”, le parole del medico della Nazionale, ovviamente affranto per l’accaduto.

IN TEMPO PER IL CAMPIONATO – L’operazione, dunque, appare inevitabile e, secondo quanto riporta La Gazzetta dello Sport, si procederà in tempi brevi (forse già oggi). Lo staff sanitario azzurro si è subito messo in contatto con quello del Milan, che dovrà valutare al meglio la situazione. Il club rossonero, ovviamente, spera di recuperare il giocatore per l’inizio del Campionato (che scatterà a fine agosto) ma i tempi – riferisce la rosea – in questi casi oscillano tra i tre e i quattro mesi (Castellacci, invece, ne aveva pronosticati un paio). Nel frattempo, Montolivo, che ieri è stato ingessato, nella notte è rientrato a Milano con un aereo-ambulanza, dopo aver salutato i compagni. Il suo Brasile sarà il divano di casa: il Mondiale, purtroppo, dovrà guardarlo in gesso e pantofole. (Milannews.it)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy