Lotito: da Hernanes a Quagliarella. Il punto…

Lotito: da Hernanes a Quagliarella. Il punto…

AGGIORNAMENTO ORE 15.50 – Reduce dalla vittoria al Friuli contro l’Udinese per 3-2, il presidente della Lazio Claudio Lotito ha parlato dei tre punti conquistati in trasferta con riferimento anche al mercato biancoceleste: “L’importante è il significato della prestazione, la squadra – ha spiegato il patron a Sky Sport -…

AGGIORNAMENTO ORE 15.50 – Reduce dalla vittoria al Friuli contro l’Udinese per 3-2, il presidente della Lazio Claudio Lotito ha parlato dei tre punti conquistati in trasferta con riferimento anche al mercato biancoceleste: “L’importante è il significato della prestazione, la squadra – ha spiegato il patron a Sky Sport – ha mostrato grande carattere nonostante l’inferiorità numerica. I ragazzi hanno avuto grande spirito di gruppo, con tanta voglia di dimostrare il proprio valore e la propria qualità meritando il successo”.

Hernanes? “Ha fatto bene, ci ha regalato la vittoria. Rinnovo? Abbiamo una intesa col suo agente, col quale c’è stima e un ottimo rapporto. Non ci sono ruggini, da parte nostra e da parte del ragazzo c’è l’atteggiamento giusto per proseguire insieme. Valutazione pari a 17 milioni di euro? Non lo venderemo per quella cifra, inoltre nessuno lo ha messo in vendita anche se ha parecchi estimatori. Qualora dovesse arrivare un’offerta che soddisfi la Lazio e il giocatore, valuteremo al momento. Non abbiamo la voglia di perderlo, ma chiunque è soggetto alle offerte. Se dovesse arrivare una proposta indecente, la valuteremo. Certamente non andrà via per 17 milioni di euro”.

Rinforzi a gennaio? “Io e Reja abbiamo avuto un incontro schietto e trasparente, vogliamo rinforzare la rosa valutando le opportunità che offre il mercato. La nostra rosa è però già competitiva, nel momento in cui dovesse esserci la necessità di trovare un rinforzo lo faremo. Tutti i nostri calciatori possono vantare richieste, anche se fare mercato a gennaio non è semplice. Al momento abbiamo solo Candreva in comproprietà, tutti gli altri sono di nostra proprietà. In estate abbiamo sborsato 28 milioni di euro per rinforzarci senza avere risorse esterne, non ci sono state cessioni illustri allestendo una formazione competitiva. La nostra posizione in classifica non è consona al nostro potenziale, qualora dovessimo riscattarci sono certo che ci riaffacceremo tra le prime posizioni. Oggi abbiamo avuto otto calciatori fuori, offrendo comunque una prestazione positiva. La rosa è forte, se dovesse esserci la possibilità di ingaggiare un calciatore lo faremo fermo restando che serve prima una cessione in quel ruolo. Tuttavia prelevare calciatori dall’estero può essere un rischio, ma in Italia il mercato è fermo. Verranno inseriti calciatori nella rosa solo se in grado di accrescere il tasso tecnico della squadra”.

Quagliarella? “Dovete chiedere alla Juve se è disponibile alla cessione e al calciatore se vuole lasciare Torino. In estate la situazione era diversa, poi cambia tutto velocemente. Al momento non mi risulta che l’ex Napoli sia disponibile a lasciare la Vecchia Signora“.

Floccari? “Ha tante richieste, vuol dire che è valido e dunque può far parte della rosa di Reja”. (Tmw)

 

ROMA – Ai microfoni di Sky Sport prima del fischio d’inizio di Udinese-Lazio è intervenuto il presidente biancoceleste Claudio Lotito, che ha chiarito anche alcune tematiche di mercato: “Djordjevic all’Inter? Il mercato degli svincolati ha delle procedure specifiche e noi ci atteniamo a quelle. Vediamo dove andrà il calciatore, noi non possiamo fare niente per influenzare le scelte del ragazzo. Non possiamo avere rapporti con il calciatore finché è sotto contratto, non so che scelte ha fatto il calciatore perché noi ci siamo attenuti scrupolosamente alle norme. Il ragazzo deve decidere se venire in Serie A e dove andare se dovesse venirci. Noi siamo elemento passivo, non possiamo essere elemento attivo”.

 

Sull’esclusione di Hernanes: “Le scelte le fa il tecnico sulla base delle sue considerazioni tattiche in relazione all’avversario che ha davanti. Oggi mancavano 6 giocatori tra squalifiche e infortuni, quindi la scelta è stata fatta solo in relazione al modulo. Marchetti? Valutazione del tecnico sulla base dell’infortunio avuto, anche in vista della sfida contro la Juventus. Dobbiamo salvaguardare il patrimonio della Lazio e gestire gli infortuni”. (Tmw)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy