MALTEMPO – Paura in italia: due voli dirottati, caos anche a Roma

MALTEMPO – Paura in italia: due voli dirottati, caos anche a Roma

GENOVA – Allerta da grado 1 a grado 2 in Liguria, per via dell’ondata di maltempo che sta interessando la zona. La Protezione Civile della Regione Liguria, in seguito all’aggravarsi delle condizioni meteo e all’aggiornamento delle previsioni meteo e idrologiche del centro meteo Arpal, ha trasformato lo stato di allerta…

GENOVA – Allerta da grado 1 a grado 2 in Liguria, per via dell’ondata di maltempo che sta interessando la zona. La Protezione Civile della Regione Liguria, in seguito all’aggravarsi delle condizioni meteo e all’aggiornamento delle previsioni meteo e idrologiche del centro meteo Arpal, ha trasformato lo stato di allerta 1 in stato di allerta 2 fino alle ore 18 di domani.  Lo stato di allerta 2 interessa tutto il territorio regionale, ad eccezione dell’entroterra savonese, dove resta lo stato di allerta 1. La Protezione Civile regionale è in sala operativa dove resterà fino alla fine dell’allerta. L’allerta 2 è il grado di allerta più elevato in Liguria in considerazione della morfologia del territorio. Viene raccomandata la massima attenzione, soprattutto nelle aree a rischio esondazione e a rischio frana. 

DUE VOLI DIROTTATI Due voli dirottati – uno di Alitalia e uno della Turkish Airlines – uno cancellato, traghetti per la Sardegna fermi a causa del mare forza 9 e di un vento che soffia a raffiche fino a 100 km/h. Chiuso anche il terminal poruale di Voltri. Si sta intensificando il maltempo su Genova così come previsto dall’Arpal. Decine gli interventi di vigili del fuoco e della polizia municipale in Valbisagno e Valpolcevera per alberi, caditoie e grondaie caduti. Su tutti i rami autostradali del nodo di Genova (A7-A10-A12-A6) è interdetto il traffico a furgoni e caravan per il vento. 

50 SFOLLATI NELLO SPEZZINO Circa 50 persone sono state sfollate dalle loro abitazioni a Borghetto Vara e nella frazione di Cassana a causa delle forti piogge che si sono abbattute nei luoghi dove nel 2011 l’alluvione provocò la morte di sette persone. Il sindaco Fabio Vincenzi e alcuni tecnici comunali stanno coadiuvando le cooperative di soccorso nelle operazioni di evacuazione delle abitazioni. Particolare preoccupazione destano le possibili frane. 

APERTI TAVOLI EMERGENZA Sono già tutti attivi i tavoli d’emergenza nei Municipi genovesi così come il centro operativo comunale dove da stamattina è presente l’assessore alla Protezione civile Gianni Crivello. Il sindaco Marco Doria è atteso nel primissimo pomeriggio. Attivo dalle 8 di stamani il Comitato operativo della Regione Liguria. Al momento i sistemi di rilevazione non indicano criticità ma i previsori indicano un progressivo peggioramento delle condizioni meteo. I Municipi stanno lavorando assieme ai servizi sociali e ai mediatori culturali per sfollare i campi nomadi e sistemare le persone nei luoghi di accoglienza mentre si sta monitorando il quartiere percorso dal rio Fereggiano per capire se ci siano famiglie che preferiscono abbandonare casa per precauzione. In questo caso sono già pronti i luoghi di accoglienza e ricovero predisposti dal Comune di Genova. 

ALLERTA ANCHE A ROMA Allerta meteo anche a Roma dal pomeriggio-sera di oggi e per le successive 24-36 in seguito all’«avviso di condizioni metereologiche avverse» emesso ieri dalla direzione regionale infrastrutture, ambiente e politiche abitative – Area Volontariato ed Enti locali S.O. Regionale. Si prevedono, infatti, sul Lazio piogge diffuse anche a carattere di rovescio o temporale. I fenomeni daranno luogo a rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento; venti forti o di burrasca dai quadranti meridionali con possibili mareggiate sulle coste esposte, come ha fatto sapere già ieri la Protezione Civile di Roma Capitale. Per chiarimenti, informazioni e richieste di intervento è possibile contattare la Sala Operativa h/24, dell’Ufficio Protezione Civile al numero 0667109200 o al numero verde 800854854 – www.protezionecivileromacapitale.it 

NEVE SOPRA I MILLE METRI IN VALTELLINA Valtellina e Valchiavenna sono investite da un’ondata di maltempo con forti precipitazioni piovose sul fondovalle e fitte nevicate al di sopra dei 1.000 metri. I passi alpini, fa sapere il comando provinciale della Polstrada di Sondrio, sono transitabili unicamente con catene montate o pneumatici da neve. In azione i mezzi spazzaneve di Anas e delle imprese incaricate. I vigili del Fuoco sono impegnati, in queste ore, in alcuni interventi lungo la statale 36 dello Spluga che conduce a Madesimo (Sondrio) per la rimozione di diverse piante cadute sull’asfalto sotto il peso della neve. Bufere di neve sono inoltre segnalate sul passo del Foscagno, che collega Bormio a Livigno. La Polstrada, infine, raccomanda agli automobilisti la massima prudenza nel transito sulla statale 38 dello Stelvio, in particolare nella zona di Morbegno per la presenza di numerose buche, alcune di grosse dimensioni. 

NEVE IN VAL D’AOSTA Dalla notte scorsa nevica in Valle d’Aosta sopra i mille metri di quota. Le precipitazioni sono più intense nella parte orientale della regione, in particolare nella Valle di Gressoney. Non sono segnalati problemi alla viabilità sulle principali arterie regionali. In aumento il pericolo valanghe.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy