#MILINKOVIC – Comunicato ufficiale del Genk

#MILINKOVIC – Comunicato ufficiale del Genk

MILINKOVIC: IL GENK TRANQUILLIZZA TUTTI CON UN COMUNICATO. ROMA – Dopo l’approdo di Kishna alla Lazio i tifosi biancocelesti sognano anche Milinkovic-Savic. E intanto il Genk fa chiarezza riguardo l’altra vicenda che ha visto come protagonista il centrocampista. Quale? Quella che fa riferimento alle accuse dell’ex vicepresidente del Vojvodina sugli…

MILINKOVIC: IL GENK TRANQUILLIZZA TUTTI CON UN COMUNICATO.

ROMA – Dopo l’approdo di Kishna alla Lazio i tifosi biancocelesti sognano anche Milinkovic-Savic. E intanto il Genk fa chiarezza riguardo l’altra vicenda che ha visto come protagonista il centrocampista. Quale? Quella che fa riferimento alle accuse dell’ex vicepresidente del Vojvodina sugli illeciti presunti commessi dal club nel trasferimento del calciatore al Genk. Vukuvic – come vi abbiamo riportato qualche ora fa – aveva accusato il club Belga di aver comprato Milinkovic-Savic senza il suo assenso per chiudere la trattativa. “Abbiamo già cercato giustizia davanti alla Corte di Novi Sad, ora ci spingeremo fino a Losanna. Ho già avvisato Genk, Lazio e Fiorentina: è come se il club serbo avesse acquistato una macchina rubata, il contratto con il Genk è nullo” aveva dichiarato qualche giorno fa. Così – e questo potrebbe interessare fortemente anche la Lazio – il presidente Houben ha voluto smentire tutto attraverso una nota: “KRC Genk desidera chiarire che il trasferimento di Sergei Milinkovic-Savic da FK Vojvodina a KRC Genk nel 2014 è in piena conformità con il regolamento della FIFA. Le trattative si sono svolte a livello di club e dopo la firma dell’accordo anche i pagamenti necessari hanno seguito gli accordi presi. Siamo pronti a difenderci legalmente a livello di club e non abbiamo ulteriori dichiarazioni da fare o risposte da dare”. Un comunicato, che sarà arrivato sicuramente anche sotto gli occhi di Lotito.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy