LIVE – Laziomercato, mossa a sorpresa di Lotito: ha deciso

LIVE – Laziomercato, mossa a sorpresa di Lotito: ha deciso

MOSSA A SORPRESA: ONAZI RESTA ALLA LAZIO ROMA – Pioli ha scherzato, ma non troppo: «Il gol più bello? Quello di Onazi a Napoli» ha risposto il tecnico emiliano, perché è stato di sicuro il più pesante, quello che serviva per piazzare lo scatto Champions dopo l’errore di Higuain dal…

MOSSA A SORPRESA: ONAZI RESTA ALLA LAZIO

ROMA – Pioli ha scherzato, ma non troppo: «Il gol più bello? Quello di Onazi a Napoli» ha risposto il tecnico emiliano, perché è stato di sicuro il più pesante, quello che serviva per piazzare lo scatto Champions dopo l’errore di Higuain dal dischetto e per respingere gli ultimi assalti della squadra di Benitez. La Lazio aveva sofferto troppo e doveva tagliare il traguardo dopo undici mesi di lavoro e nove di campionato raccogliendo applausi. «Bello e difficile anche come esecuzione» ha aggiunto Pioli, sottolineando il gesto tecnico. Tempo di inserimento ideale a rimorchio di Ledesma, tocco preciso per mettere il pallone nell’angolo sull’uscita di Andujar. Quel lampo ha consentito a Eddy di riaccendere la luce all’ultima curva di un campionato in ombra, giocando pochissimo: 16 presenze, un gol e un assist, solo sei partite da titolare, appena 668 minuti in campo. Al conto bisogna aggiungere altre tre presenze in Coppa Italia, ma nei primi turni, perché quando sono arrivate le semifinali con il Napoli e l’ultimo appuntamento con la Juve era in panchina.

 

Reparto. Onazi ha messo la firma sul terzo posto e la qualificazione ai preliminari di Champions, è riuscito soprattutto a dare un segnale decisivo in una fase in cui sembrava ai margini del progetto. E invece no. Il centrocampista nigeriano non partirà. La Lazio lo considera a pieno titolo nell’organico della prossima stagione e non prenderà in esame offerte che dovessero pervenire dal mercato. Ha caratteristiche uniche di passo e contrasto, la rapidità che piace a Pioli. Non è sempre preciso nel palleggio, ma resterà perché servono rinforzi sulla linea mediana e in una stagione in cui la Lazio scenderà in campo tre volte a settimana anche Eddy avrà maggiori possibilità di giocare. Il tecnico ha apprezzato il suo spirito positivo, è rimasto aggrappato alla squadra quando non giocava affatto. Dietro a Biglia, Parolo e Cataldi oggi viene considerato il quarto centrocampista centrale. Ne servono almeno cinque per affrontare la stagione.

Giovani. Onazi compirà 23 anni il 25 dicembre e rispetto alla stagione 2013/14 ha raggiunto i requisiti per essere iscritto in lista Uefa come prodotto del vivaio biancoceleste. Aspetto non secondario. Più giovani di livello puoi inserire, più la rosa (bloccata a 25 nomi) cresce numericamente. Onazi e Cataldi sono due nomi sicuri, a cui bisognerà aggiungere Guido Guerrieri, portiere della Primavera che dovrebbe restare come terzo. Il quarto nome, se Cavanda dovesse partire, uscirà tra Crecco (di rientro dal prestito alla Ternana) e uno dei Primavera di Inzaghi impegnati nella finale scudetto: Murgia e Palombi i probabili. Il croato Prce verrà aggregato per il ritiro di Auronzo, ma non avendo i requisiti (servono tre stagioni piene di tesseramento tra i 15 e i 21 anni) non potrà essere inserito in lista A.

Nigeria. Onazi, cresciuto da Bollini e lanciato in prima squadra da Petkovic, ha già totalizzato 88 presenze (5 gol e 6 assist) e nello scorso ottobre ha prolungato il contratto con la Lazio sino al 2018. Viene da una stagione poco soddisfacente anche perché, dopo un infortunio pesante al Mondiale, era stato costretto a saltare la preparazione e di fatto ha cominciato ad allenarsi a settembre. Campione d’Africa con la Nigeria (25 presene e 1 gol), nell’ultima apparizione con le Super Aquile è stato espulso e poi si è scusato ai microfoni di Sportsday: «Chiedo scusa ai nigeriani e ai miei fans per la reazione che ho avuto. Loro non conoscono bene certe dinamiche, hanno visto solo quel brutto spettacolo. Il giocatore avversario in realtà mi ha dato una gomitata all’orecchio e certe emozioni non si possono controllare. Fanno parte di quelle situazioni che nel calcio si possono verificare». (Corriere dello Sport)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy