ULTIM’ORA – I tifosi della Lazio si svegliano con una grande notizia!

ULTIM’ORA – I tifosi della Lazio si svegliano con una grande notizia!

IL MESSAGGERO: “BIGLIA NON STA BENE, MA POTREBBE RECUPERARE IN EXTREMIS!” ROMA – Avanti tutta per la Champions. Nonostante la Lazio abbia due risultati su tre al San Paolo e si possa permettere di essere meno aggressiva del solito, Pioli guarda dritto e va avanti per la sua strada, senza…

IL MESSAGGERO: “BIGLIA NON STA BENE, MA POTREBBE RECUPERARE IN EXTREMIS!”

ROMA – Avanti tutta per la Champions. Nonostante la Lazio abbia due risultati su tre al San Paolo e si possa permettere di essere meno aggressiva del solito, Pioli guarda dritto e va avanti per la sua strada, senza snaturare gioco, identità e mentalità. Non l’ha fatto al derby, figuriamoci se lo farà stasera contro Benitez. L’unica grande novità è il ritorno della difesa a tre, proposta il venti maggio nella finale di coppa Italia contro la Juve. Unica volta nella stagione. Una mossa a sorpresa che quel giorno contro i bianconeri si rivelò azzeccata, ma contro i partenopei, almeno sulla carta, appare un azzardo, soprattutto per le caratteristiche di alcuni giocatori. Con la Juve c’era Radu, con il Napoli, visto l’assenza del romeno per infortunio, ci sarà Mauricio. Tra i due c’è una differenza: Stefan nel breve ha più corsa e dà più sicurezza nei recuperi, il portoghese è bravo a marcare, ma rispetto al compagno, è più statico. De Vrij, dunque, sarà chiamato a un doppio lavoro, un po’ quello che faceva nell’Olanda ai mondiali brasiliani. Probabilmente, nella testa di Pioli, schierare la Lazio con tre centrali garantisce una copertura maggiore.

 

L’ACUTO SERBO – Oltre all’assetto, l’altra novità importante è il ritorno di Filip Djordjevic tra i titolari al posto di Miro Klose. Curioso il fatto che l’ultima gara giocata dal serbo dal primo minuto fu proprio contro il Napoli all’andata il 18 gennaio, la settimana prima di procurarsi il terribile infortunio alla caviglia durante la sfida con il Milan. La sua prima stagione in Italia non è stata fortunatissima, anche se, a parte tutto, è riuscito a segnare otto reti in ventuno partite. Ma lui non è pienamente soddisfatto e vuole di più. Oltre all’incidente, il centravanti recrimina ancora per quel doppio palo in finale con la Juve, ma anche per la rete del pareggio al derby che, alla fine, è servita a ben poco. Adesso l’ex attaccante del Nantes è alla disperata ricerca di un acuto vincente, di un gol decisivo che possa aiutare la Lazio a conquistare il terzo posto in classifica. Pioli punta proprio su questo, sulla grande voglia di riscatto da parte di Filip.

BIGLIA IN EXTREMIS? – La squadra anti-Napoli è praticamente decisa. Marchetti in porta con i tre centrali Gentiletti, de Vrij e Mauricio. A centrocampo Lulic e Basta sulle corsie laterali, con Cataldi e Parolo in mezzo. Fino all’ultimo però, Pioli verificherà la condizione di Lucas Biglia. L’argentino non sta bene, sempre a causa della lesione al collaterale, tanto che non si è allenato negli ultimi due giorni, ma è testardo e fino all’ultimo ci proverà. Pioli l’ha convocato e si deciderà in extremis. In avanti Candreva e Felipe Anderson che sosterranno Djordjevic e proveranno a sorprendere la difesa del Napoli. Grazie ai loro guizzi la Lazio proverà a spiccare il volo in modo definitivo. (Ilmessaggero.it)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy