SI GIOCA – Pioli smonta e rimonta: Anderson out, Klose squalificato. Negli ultimi mesi non era mai successo!

SI GIOCA – Pioli smonta e rimonta: Anderson out, Klose squalificato. Negli ultimi mesi non era mai successo!

ROMA – Fuori Klose, fuori Felipe Anderson. Negli ultimi mesi non era mai successo, accadrà oggi a Bergamo. Klose è squalificato, Felipe Anderson partirà dalla panchina, hanno garantito la scalata Champions da gennaio in poi. Non ci sono papi nello spogliatoio, Pioli smonta e rimonta. Ha già fatto riposare Candreva…

ROMA – Fuori Klose, fuori Felipe Anderson. Negli ultimi mesi non era mai successo, accadrà oggi a Bergamo. Klose è squalificato, Felipe Anderson partirà dalla panchina, hanno garantito la scalata Champions da gennaio in poi. Non ci sono papi nello spogliatoio, Pioli smonta e rimonta. Ha già fatto riposare Candreva e Mauri, è il turno del brasiliano, entrerà in corsa, l’asso verrà utilizzato come jolly. Reja è un osso duro, conosce pregi e difetti della Lazio, ha allenato gran parte dei giocatori che scenderanno in campo oggi, ha indicato gran parte degli acquisti estivi. Pioli punterà sul 4-2-3-1 per sbancare Bergamo, vuole vincere tutte le gare rimaste per blindare l’accesso diretto alla Champions. E’ iniziato il mese decisivo, non ci sarà scampo.

 

GLI UOMINI – La Lazio anti-Atalanta è decisa, non dovrebbe variare rispetto alle indiscrezioni della vigilia. Il vice Klose sarà Keita, partirà titolare dopo il gol rifilato al Parma, sarà prima punta. Alle sue spalle agiranno Candreva, Mauri e Lulic. Cataldi e Parolo si piazzeranno a centrocampo. Basta, Mauricio, Ciani e Radu formeranno il quartetto arretrato. Il francese giocherà la seconda gara di fila, è in scadenza, prima dell’infortunio subito nel finale del 2014 aveva strappato il posto da titolare, dà garanzie: «Alleno un gruppo di grandi professionisti, nessuno in questo momento sta pensando al futuro. Ciani ha avuto un infortunio grave, prima aveva scalato qualche gerarchia, ha recuperato. Ha ritrovato energia», ha spiegato Pioli. Ha convocato Gentiletti, l’argentino si accomoderà in panchina, sogna il nuovo esordio. Sta meglio Djordjevic, carbura, presto rimetterà piede in campo, magari oggi, in corsa: «Una settimana in più di lavoro gli ha fatto molto bene, è in buone condizioni, prima faceva fatica. Djordjevic ha lavorato duramente, è un professionista esemplare, ha sopportato carichi importanti ed anche il dolore, s’è reso sempre disponibile. Sarà un’arma in più in questo finale di campionato. E’ vicino il momento del ritorno in campo». De Vrij e Biglia potrebbero tornare a disposizione per Lazio-Inter di domenica prossima: «Sì, l’obiettivo è l’Inter, tutti e due stanno forzando un po’, li ho visti lavorare in campo. Se saranno in gruppo mercoledì avranno buone possibilità di esserci, sono situazioni da analizzare giorno dopo giorno in base ai carichi di lavoro e alle risposte», ha aggiunto Pioli.

I GOL – Il tecnico ha chiesto una Lazio concreta, ancora di più. I suoi hanno segnato 63 gol (la Juve ne ha realizzati 64, ha giocato ieri), i biancocelesti fuori casa hanno colpito 25 volte (record con la Fiorentina). I gol può garantirli anche Stefano Mauri, tornerà titolare, contro l’Atalanta ha fatto centro quattro volte in A, è la sua “vittima” preferita. Il primo dei 54 gol segnati da Mauri in campionato non a caso è arrivato contro i bergamaschi nel novembre 2002. (Corriere dello Sport)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy