Samsung Galaxy S5, ecco le novità certe: tanta potenza e addio alla plastica

Samsung Galaxy S5, ecco le novità certe: tanta potenza e addio alla plastica

ROMA – Il conto alla rovescia è già partito da tempo e i rumors che si susseguono lasciano poche certezze e parecchia confusione riguardo al volto del futuro Galaxy S5. Più che probabile l’addio alla plastica in favore dell’alluminio, pressoché certa l’incremento di potenza che farà assomigliare la carrozzeria dell’S5…

ROMA – Il conto alla rovescia è già partito da tempo e i rumors che si susseguono lasciano poche certezze e parecchia confusione riguardo al volto del futuro Galaxy S5. Più che probabile l’addio alla plastica in favore dell’alluminio, pressoché certa l’incremento di potenza che farà assomigliare la carrozzeria dell’S5 a quella del Galaxy Note, mentre per il resto si naviga a vista tra annunci, possibilità e proclami strombazzati dalle solite fonti anonime proveniente dall’Asia.  Una novità importante è arrivata però oggi con il test di benchmark AnTuTu, che attraverso l’analisi dell’hardware degli smartphone fornisce preziose informazioni sulle loro caratteristiche. Nel caso in questione, il prossimo top di gamma della casa coreana dovrebbe affidarsi a un processore Qualcomm Snapdragon 800 da 2,5 Ghz, con GPU Adreno 330, una RAM da 3GB e una memoria interna di 32GB (anche se questa rapresenta lo spazio d’archiviazione del modello testato, poiché come sempre in vendita ci sarano diversi tagli, da 16GB fino a 64GB o 128GB). Ritoccate anche le specifiche della fotocamera, con quella frontale che si ferma a 2,1 Megapixel e la posteriore che sale a 16 Mp – tanti ma non certo il top sul mercato, considerato che l’Xperia Z1 di Sony arriva a 20 Mp e il Nokia Lumia 1020 addirittura a 41 Mp grazie alla tecnologia PureView.

Denominato SM-G900F, il Samsung Galaxy S5 girerà molto probabilmente con Android 4.4 KitKat, rimandando al prossimo top di gamma il sistema operativo Tizen OS, creato proiprio dall’azienda coreana ma ovviamente da provare su terminali di fascia medio-bassa per scoprire eventuali punti deboli e relativi rimedi prima di proporlo su uno smartphone di primo livello.  Se qualche dubbio resta anche sul chip, poiché in diversi occasioni si era parlato di un processore Exynos a 64-bit a otto core, molte sono le incertezze riguardo al display, con alcune fonti asiatiche sicure che si tratterà del primo smartphone 2K e altri che invece propendono per un classico schermo Full HD. Un elemento determinante, questo, non solo dal lato estetico ma anche da quello hardware, poiché l’eventuale supporto di un display Quad HD sarebbe legato a una batteria molto più capiente di quelle attualmente in uso sugli smartphone.  Il silenzio dietro cui si celano i portavoce dell’azienda lascia avvolto nel mistero la data dell’arrivo del Galaxy S5. Nonostante la versione coreana di Zdnet punti sul Mobile World Congress 2014 che si terrà a Barcellona dal 24 al 27 febbraio, appare probabile che anche la prossima punta di diamante della folta pattuglia Samsung segua l’esempio dei fratelli, cioè S3 e S4, presentati con un grande evento ad hoc piuttosto che all’interno di una manifestazione che raggruppa tanti brand diversi, col rischio di oscurarne il lancio. Vedremo quali sorprese ci riserveranno stavolta le creative menti della divisione marketing del colosso sud coreano. (Leggo.it)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy