Seedorf trema: Il Milan è Balotelli, i gol arrivano solo da Mario. Il possesso palla non basta

Seedorf trema: Il Milan è Balotelli, i gol arrivano solo da Mario. Il possesso palla non basta

Mario Balotelli, pur in una stagione disgraziata per lui e per il Milan, ha già messo a segno 12 reti tra Serie A, Champions League e Coppa Italia. Seguono a distanza siderale gli altri, con Kakà a 6 gol, Muntari e Robinho a 5. Dietro a Balotelli, insomma, il vuoto.…

Mario Balotelli, pur in una stagione disgraziata per lui e per il Milan, ha già messo a segno 12 reti tra Serie A, Champions League e Coppa Italia. Seguono a distanza siderale gli altri, con Kakà a 6 gol, Muntari e Robinho a 5. Dietro a Balotelli, insomma, il vuoto. E questo fattore, alla lunga, si sta rivelando sempre più un forte handicap per il Diavolo. Là dove non riesce ad essere decisivo Balotelli, questo Milan non ha le alternative e le armi giuste per far male. Previdibilità e mancanza di soluzioni diverse dall’affidarsi al tanto vituperato Mario, sono guai ai quali Clarence Seedorf è chiamato a fornire risposte in rapidità.

 

L’input tattico e filosofico del tecnico di Paramaribo puntano sulla priorità al possesso palla. Anche ieri sera contro l’Udinese in Coppa Italia livelli altissimi di mantenimento del pallino del gioco, con un possesso al 67%. La differenza ieri, più che il possesso palla, l’hanno fatta dinamismo e determinazione dei friulani, che hanno vinto 68 contrasti contro i 57 dei milanisti. Non può fare miracoli Seedorf, come non li avrebbe potuti fare un Allegri a fine corsa, ma a questo Milan serve una decisa riorganizzazione in campo. (Milannews.it)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy