Schumacher continua a perdere peso. “Il recupero è sempre più duro”

Schumacher continua a perdere peso. “Il recupero è sempre più duro”

AGGIORNAMENTO 11/3 – Passano i giorni, le settimane, ma Schumi non si risveglia. Il dottor Mark Mader: “Un brutto segnale”. L’esperto ipotizza gravi danni al cervello, anche in caso di ripresa. Poi c’è l’allarme peso: il campione di Formula Uno ha già perso 20 chili: “E la massa muscolare continua…

AGGIORNAMENTO 11/3 – Passano i giorni, le settimane, ma Schumi non si risveglia. Il dottor Mark Mader: “Un brutto segnale”. L’esperto ipotizza gravi danni al cervello, anche in caso di ripresa. Poi c’è l’allarme peso: il campione di Formula Uno ha già perso 20 chili: “E la massa muscolare continua a ridursi”.Mark Mader, che da decenni è a capo di una clinica di riabilitazione di Basilea ed è specializzato in lesioni cerebrali e pazienti in coma, è intervenuto sulla vicenda Schumacher: “Le possibilità di recupero per Schumacher sono sempre più basse. Maggiore è il tempo durante il quale una persona rimane in coma, minori sono le possibilità che il suo cervello riesca a recuperare”.Gli infermieri nel frattempo cercano di limitare al massimo la perdita della massa muscolare, ciò nonostante il pilota tedesco ha già perso 20 dei suoi 75 chili di peso. (affaritaliani.it)


 

GINEVRA – «Solo un miracolo lo può salvare», sono queste le parole che i medici avrebbero riferito alla famiglia di Michael Schumacher. Sembra, come riporta il Mirror, che il campione di Formula 1, vittima di un incidente sugli sci, non riuscirà a riprendersi completamente a meno di un miracolo.
La famiglia del campione ha anche pensato di consultare altri medici visti i mancati progressi nella fase del risveglio dal coma artificiale.  Le sue condizioni rimangono immutate e diventa sempre più alta la possibilità che possa rimanere in stato vegetativo permanente. «Avrebbe già dovuto rispondere alle cure», dicono i medici, «Per avere la possibilità di una ripresa completa.  I movimenti che ha avuto Schumacher sono movimenti involontari, abbsatanza comuni nei pazienti nelle sue condizioni. Nessun miglioramento quindi e le possibilità che il campione non si svegli più aumentano. (Leggo.it)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy