Tangenti: chiesti un anno e otto mesi per Paolo Maldini

Tangenti: chiesti un anno e otto mesi per Paolo Maldini

Il sostituto procuratore generale di Milano Tiziano Masini ha chiesto una condanna di un anno e otto mesi nei confronti di Paolo Maldini, ex terzino del Milan e della Nazionale, nel processo d’appello in cui è imputato per corruzione e accesso abusivo a sistema informatico. Maldini avrebbe versato delle tangenti …

Il sostituto procuratore generale di Milano Tiziano Masini ha chiesto una condanna di un anno e otto mesi nei confronti di Paolo Maldini, ex terzino del Milan e della Nazionale, nel processo d’appello in cui è imputato per corruzione e accesso abusivo a sistema informaticoMaldini avrebbe versato delle tangenti ad alcuni imprenditori e ad un funzionario dell’Agenzia delle entrate, Luciano Bressi, per evitare controlli fiscali su un‘operazione immobiliare illecitaIn primo grado l’ex calciatore era stato assolto per non avere commesso il fatto, ma il pm Paola Pirotta aveva presentato ricorso contro la sentenza. Per Danilo Buongiorno, legale di Paolo Maldini, il suo assistito “deve essere assolto anche in appello”, perché “non ha fatto nulla di male e non ha commesso nessun reato”. 

 

L’inchiesta che riguarda Maldini aveva portato numerosi arresti e coinvolto una quarantina di persone, tra dipendenti dell’Agenzia delle Entrate e commercialisti. Tutti avrebbero aiutato decine di imprenditori e titolari di società ad aggirare controlli fiscali o a ottenere trattamenti più favorevoli in cambio di denaro.

theblazonedpress.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy