TOTTI AL MILAN, TUTTO VERO. POCHI MINUTI FA L’AMMISSIONE DI GALLIANI: “LO VOLEVO”

TOTTI AL MILAN, TUTTO VERO. POCHI MINUTI FA L’AMMISSIONE DI GALLIANI: “LO VOLEVO”

Da un lato il derby con l’Inter, dall’altra i retroscena legati ad un ‘matrimonio’ mai celebrato. Adriano Galliani non si fida dell’arrivo di Mancini in panchina e mette in guardia il Milan, dove anni fa sarebbe potuto arrivare Francesco Totti. In occasione del ‘Premio Facchetti’, l’amministratore delegato ha detto la…

Da un lato il derby con l’Inter, dall’altra i retroscena legati ad un ‘matrimonio’ mai celebrato. Adriano Galliani non si fida dell’arrivo di Mancini in panchina e mette in guardia il Milan, dove anni fa sarebbe potuto arrivare Francesco Totti.

In occasione del ‘Premio Facchetti’, l’amministratore delegato ha detto la sua sul ribaltone avvenuto in casa dei ‘cugini’: “Quando arriva un nuovo allenatore c’è una scossa che dura circa tre settimane, quindi per noi ci sarà qualche difficoltà in più. Naturalmente, è un discorso che va oltre il valore di Mancini. Speriamo che presto il derby Milan-Inter torni a valere di nuovo per lo Scudetto”.

Nessuna ombra, invece, su Inzaghi: “E’ in una situazione molto diversa da quella in cui era Mazzarri: Pippo è molto amato dai tifosi, e quindi non credo che potrà avere dei problemi”, ha assicurato Galliani.

Il quale si lascia poi andare ad un affascinante aneddoto di mercato: “Abbiamo cercato di prendere Totti quando era ragazzino, lo sa anche lui, ma non ci siamo riusciti. Capimmo subito che fargli lasciare la Roma era impossibile”.

Chiusura su Italia-Croazia, disputata ieri a Milano: “Era una partita in cui non è successo nessun episodio che potesse far scatenare certe episodi. E’ veramente un peccato che succedano queste cose, il 99% di quelli che vengono allo stadio sono persone tranquille, purtroppo bastano poche persone per rovinare un grande spettacolo. El Shaarawy? Molto positivo”. (Goal.com)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy