ULTIM’ORA – Tare nega tutto!

ULTIM’ORA – Tare nega tutto!

ROMA – Serve un centrocampista centrale, perché Biglia alle spalle ora non ha più Ledesma e in quel settore manca un rinforzo di qualità e prospettiva. E allora ecco che la Lazio si è buttata anima e corpo sul giovane serbo Sergej Milinkovic-Savic, doppio cognome perché nato in Spagna (cresciuto…

ROMA – Serve un centrocampista centrale, perché Biglia alle spalle ora non ha più Ledesma e in quel settore manca un rinforzo di qualità e prospettiva. E allora ecco che la Lazio si è buttata anima e corpo sul giovane serbo Sergej Milinkovic-Savic, doppio cognome perché nato in Spagna (cresciuto in Serbia ha doppio passaporto, il primo cognome è del padre e il secondo della madre). Per il ds biancoceleste Igli Tare, però, si tratta soltanto di Milinkovic, uno dei gioielli che ha appena vinto il Mondiale Under 20 e che fa parte di una generazione di fenomeni che darà tante soddisfazioni alla Serbia. Ieri dall’Albania, patria del ds della Lazio, sono rimbalzate alcune sue dichiarazioni. «Sì è vero – le parole attribuite a Tare dall’Albania dal sito Indeksonline – lo stiamo seguendo. Il progetto della squadra è adeguato a lui e io credo che entro pochi giorni potremmo rendere ufficiale l’accordo». Tare ha poi preso le distanze, smentendo. Ma l’obiettivo di mercato resta lì, e la Lazio è ancora in pressing forte sul Genk, club titolare del cartellino di Milinkovic.

AFFARE. La Lazio è da tempo in contatto con il club belga. Le parti sono vicine, perché se una prima offerta di 7 milioni di euro è stata respinta, il club biancoceleste si è già portato a quota 8 sulla strada di una richiesta che è dice 10 milioni. Quello di Milinkovic sarebbe un acquisto importante se si pensa che sul giovane regista serbo c’è da superare la concorrenza di club del calibro di Manchester United (lì sta per rientrare il fratello di Milinkovic, portiere che è stato lasciato in prestito al Vojvodina nell’ultima stagione), e Arsenal. A questo punto, però, si attende la mossa definitiva della Lazio che come capitato per Biglia si è mossa con anticipo su un giocatore del campionato belga (l’argentino, peraltro regista anche lui, fu preso dall’Anderlecht).

IDEA. Milinkovic potrebbe rappresentare un progetto importante per la Lazio. A parte le doti – fisiche e tecniche – mostrate negli ultimi mesi fino alla finale del Mondiale di categoria in cui la Serbia ha battuto il Brasile, il ventenne può essere preso con l’idea di ripercorrere la strada dell’investimento fatto per Felipe Anderson, pagato al Santos 7,5 milioni due anni fa e ora destinato ad essere tra i più forti del nostro campionato (senza pensare alle possibili quotazioni di mercato raggiunte dal suo cartellino). Un tipo di affare, insomma, che proprio il ds biancoceleste Igli Tare ha già dimostrato di saper mettere in piedi e non solo con Felipe.

 

ATTESA. Ciò che appare chiaro è che ormai la priorità della Lazio sia l’ingaggio del mediano che in organico non c’è. In Olanda è monitorato sempre Jordy Clasie, classe 1991, capitano del Feyenoord. Ma se prima della partenza per il ritiro di Auronzo fissata tra una settimana (giovedì 9) il club biancoceleste dovesse presentare un primo tassello nuovo, ecco che il nome di Milinkovic va messo necessariamente in cima alla lista e cerchiato di rosso. I contatti tra Tare e Mateja Kezman, ex attaccante serbo e oggi agente di Milinkovic, sono continui. L’ostacolo è rappresentato dal Genk, che probabilmente sta tirando un po’ la corda perché consapevole che sul proprio gioiellino ci sono altri grandi club. Già in questo fine settimana sono attese novità. La Lazio appare ormai in vantaggio sulla concorrenza e sa bene che presentarsi alla prima uscita ufficiale con un volto nuovo fa sempre bene all’umore dell’universo biancoceleste. E c’è chi giura che Milinkovic abbia già visitato Formello diverse settimane fa. Significa che la Lazio, attraverso una consuetudine in voga negli ultimi anni, ha messo in conto di arrivare sul giocatore prima di tutti gli altri. E allora manca poco. Lazio e Milinkovic vicini? Sì, Genk permettendo. (Corriere dello Sport)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy