Un pugno in faccia e giù a terra, il “knockout” a Trastevere passanti colpiti in strada

Un pugno in faccia e giù a terra, il “knockout” a Trastevere passanti colpiti in strada

Stendere un passante con un pugno e lasciarlo a terra. Così si vince al gioco del “knockout”. Un moda made in Usa che sta spopolando quanto a visualizzazioni su YouTube. E che ragazzini dai 15 ai 18 anni romani, per quell’effetto dannoso di cieca emulazione, hanno trasportato in strade e…

di redazionecittaceleste

Stendere un passante con un pugno e lasciarlo a terra. Così si vince al gioco del “knockout”. Un moda made in Usa che sta spopolando quanto a visualizzazioni su YouTube. E che ragazzini dai 15 ai 18 anni romani, per quell’effetto dannoso di cieca emulazione, hanno trasportato in strade e vicoli di Trastevere, con una frequenza ormai quotidiana. “Guardi si riuniscono proprio lì  –  spiega Alex, gestore dell’hosteria “Il Vicolo” in vicolo del Cinque, indicando una stradina alla destra del suo locale  –  Tutte le sere. Sono giovanissimi, italiani. Si sballano, bevono, fumano canne e poi sbucano da quella via e partono con le aggressioni ai passanti”.

La via da cui sbucano è via del Cipresso e quello che il gestore del ristorante ci spiega sono notti di sballo e di violenza in cui questi giovanissimi romani, si caricano con l’alcol e poi a gruppi partono col gioco del “knockout”. “Non so se il gioco si chiami così, io la chiamo violenza pura e le devo dire che siamo stanchi di quello che succede in questo quartiere tutte le sere”.

Quello che accade è la fotocopia di quanto i coetanei americani fanno ormai da mesi. A Trastevere succede da febbraio. Sull’online ancora non è apparso nulla ma che questi ragazzi filmino le loro “imprese” sono i residenti del quartiere ad averlo notato. Del resto il video del cazzotto che mette ko il malcapitato è l’unica testimonianza della vittoria di un gruppetto sull’altro quando si torna alla base e ci si confronta tra risate e schiamazzi. “Prima c’era solo lo sballo  –  racconta una residente che ha una causa in corso con uno dei tanti locali che vendono alcol a minorenni e non vuole dire il suo nome  –  vedevi questi giovani buttati sui sampietrini e ovunque in mezzo la strada con birre in mano e fare casino fino a tarda notte, strafatti e ubriachi. Ora sono passati alla violenza, alle aggressioni, senza un motivo poi”.

Per cui si ubriacano e poi, in pieno stile United States, partono a gruppetti e prendendo di mira persone che passeggiano o che escono dal lavoro per andare a casa, si avvicinano, colpiscono all’improvviso con un pugno al volto e scappano. Lasciando la preda stesa a terra sanguinante e portando tronfi il risultato al resto della comitiva, radunata in via del Cipresso.

Tre giorni fa la vittima di questo inutile gioco che tanto va di moda è stato il cameriere del locale “Da Checco”, Emilio Di Salvo. Era mezzanotte e davanti alla chiesa in via di Santa Dorotea, è stato colpito da un destro in pieno volto. Ha perso i sensi e non sa chi è stato, non ha notato arrivare nessuno, camminava a testa bassa e non vedeva l’ora di tornare a casa dopo il turno di lavoro. Ma proprio lì dove è accaduto uno dei tanti episodi di “knockout” c’è una telecamera che ha immortalato tutta la scena. E che non si sia trattato di una rapina lo testimonia il fatto che il cameriere aveva in tasca i suoi soldi e il suo cellulare: lo ha capito subito, non appena, col labbro spaccato e il volto pieno di sangue, ha ripreso conoscenza. Non poteva credere di essere stato colpito da sconosciuti, senza averli nemmeno notati, persone che poi non lo hanno rapinato. Un’aggressione priva di senso se non quello legato al piacere di “stendere” una persona con un colpo secco.

“Non so se quello che fanno sia diventato il gioco preferito degli adolescenti  –  dice Stefania Porcelli, titolare del ristorante “Da Checco”  –  quello che posso dire è che negli ultimi sei mesi qui a Trastevere hanno aperto sei mini supermarket che vendono unicamente alcolici, soprattutto a minorenni. Qui i controlli vengono, eccome. E se qualcuno sgarra la Municipale, giustamente fa multe. Peccato che sbaglino gli orari degli interventi. Perché il vero inferno nel quartiere avviene dall’una alle cinque del mattino, quando noi commercianti storici chiudiamo e restano aperti gli altri locali. Lo sballo commerciale è la vera piaga che dà modo a queste schiere di ragazzini, che vomitano da ogni parte e li vedi in condizioni da far accapponare la pelle, di fare ciò che vogliono. Noi residenti siamo pronti a metterci al tavolo con le istituzioni per portare avanti una legalità che ormai qui è un ricordo lontano”. (Repubblica.it)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy