CAOS ARABIA SAUDITA – L’alto prelato: “Guidare causa danni alle ovaie”.

CAOS ARABIA SAUDITA – L’alto prelato: “Guidare causa danni alle ovaie”.

Secondo un alto prelato saudita, guidare può causare nelle donne gravi danni alle ovaie e può avere conseguenze sulla loro capacità di avere figli. In Arabia Saudita è proibito per le donne mettersi alla guida, un divieto apparentemente che sta diventando sempre più mal sopportato da molte donne nel religioso…

 

Secondo un alto prelato saudita, guidare può causare nelle donne gravi danni alle ovaie e può avere conseguenze sulla loro capacità di avere figli. In  Arabia Saudita è proibito per le donne mettersi alla guida, un divieto apparentemente che sta diventando sempre più  mal sopportato da molte donne nel religioso Paese islamico, ed è stata organizzata una giornata di protesta per il 26 ottobre prossimo, in cui le donne hanno deciso di mettersi al volante sfidando la legge. Non c’è infatti in vigore  un divieto formale che impedisce alle donne di guidare, ma le patenti vengono concesse esclusivamente agli uomini, e molte donne sostengono che dalla sharia, la legge islamica, non emerga un divieto di tale tipo (infatti nella grandissima parte dei Paesi islamici le donne possono guidare).

Le autorità hanno scoraggiato la protesta, sia con le minacce (le donne possono essere arrestate per guida senza patente, ma anche per protesta politica), sia cercando di fornire altre motivazioni, invitando le donne “a mettere la ragione davanti ai loro cuori, emozioni e passioni”. Guidare, secondo quanto avrebbe dichiarato un alto prelato, “ha conseguenze negative sia sul fronte fisiologico, che funzionale, che psicologico. Studi medici mostrano che intacca le ovaie, e spinge in alto le pelvi. Per questo troviamo che le donne che guidano regolarmente hanno figli con problemi clinici di vario tipo”. Non sono stati citati, nelle dichiarazioni, i dettagli degli studi medici. (notizie.delmondo.info)

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy