Sonia di Super 3 è disoccupata e lancia il suo grido: “Non mi fermerò!”

Sonia di Super 3 è disoccupata e lancia il suo grido: “Non mi fermerò!”

Sonia di Super 3: che cosa fa adesso „ Sonia Ceriola è un nome che a molti può dire poco. Ma “Sonia di Super3” è un mito per alcune generazioni di ragazzi romani e del Lazio. La Ceriola è infatti il volto più famoso di Super3, emittente locale laziale chiusa…

Sonia di Super 3: che cosa fa adesso

Sonia Ceriola è un nome che a molti può dire poco. Ma “Sonia di Super3” è un mito per alcune generazioni di ragazzi romani e del Lazio. La Ceriola è infatti il volto più famoso di Super3, emittente locale laziale chiusa dal luglio di quest’anno dopo aver aperto i battenti, prima tra le reti private, nel lontano 1977 con il nome di T.R.E. (acronomico di Tele Roma Europa).

Mattina, pomeriggio e sera erano scanditi a Roma dal volto e dalla voce di Sonia di Super3, che conduceva programmi contenitore nel quale andavano in onda cartoni animati giapponesi (quella della “gloriosa” stagione di Jeeg Robot, l’Uomo Tigre e altri), intervallati da “La posta di Sonia” e “L’angolo delle chiacchiere” che raggiungevano anche 300mila spettatori a puntata. Erano in vendita bambole con le sue fattezze, così come i dischi con le sue canzoni della buonanotte.

La Ceriola ha raccontato a La Stampa 20 anni di trasmissioni, interrotti bruscamente quando non sono più riusciti ad ottenere la concessione per le trasmissioni e Super3 è stata spenta, vittime del passaggio al digitale terrestre.

 

 

Erano 20 anni che andavo in onda. Ho iniziato nel 1993, per gioco, quando l’emittente si chiamava ancora T.R.E.. Fare tv non era la mia ambizione. Agli inizi ero anche un po’ imbranata di fronte alla telecamera: ho dovuto ripetere per ben 21 volte il mio primo annuncio, ancora lo ricordo – racconta Sonia –  Ma poi non mi sono più fermata, tanto è stato il successo di ascolti. Ripenso spesso a un Natale in cui i centrali andarono in tilt per le telefonate di auguri che ricevevo. E poi tanti incontri, tante emozioni. Una volta sono andata perfino in Romania, tra i bambini dell’orfanatrofio di Bucarest, a cantare la mia canzone della buona notte”. 

A “La posta di Sonia” arrivavano circa 300 lettere al giorno e per “L’angolo delle chiacchiere” c’era una lista di attesa di almeno 30mila richieste. Sonia Ceriola è famosa suo malgrado anche per la bufala girata sul web che la voleva morta. “In trasmissione dovevo sempre specificare il giorno e la data per far capire che ero viva e vegeta. Poi questa storia è andata scemando, ma la considero un sintomo della piccola fetta di celebrità che mi sono guadagnata, almeno nel Lazio”. 

Ora Sonia Ceriola si ritrova disoccupata a 46 anni ma, avverte, “non mi fermerò di certo“.


Fonte:today.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy