NEWS/Italia: Monti propone una tassa sulle bibite

NEWS/Italia: Monti propone una tassa sulle bibite

Una tassa di scopo su bibite gassate e con unadeterminata percentuale di zuccheri per tre anni, che vale circa 250 milionil’anno. Sarebbe questa una delle ipotesi allo studio per rifinanziare l’attuazione del piano per la non autosufficienza, che rientra tra le azioni in programma per il ministero della Salute delineate…

Una tassa di scopo su bibite gassate e con unadeterminata percentuale di zuccheri per tre anni, che vale circa 250 milionil’anno. Sarebbe questa una delle ipotesi allo studio per rifinanziare l’attuazione del piano per la non autosufficienza, che rientra tra le azioni in programma per il ministero della Salute delineate dal Cdm di ieri.

L’ipotesi di una tassa sulle bibite era già stata valutata in passato, anche come monito per corretti stili di vita, e potrebbe essere inserita nel cosiddetto ‘decretone sanità’, che il ministro Renato Balduzzi dovrebbe portare al prossimo Consiglio dei Ministri. Secondo quanto si apprende, della questione si è parlato ieri in linea generale in un incontro tra il ministro e gli assessori regionali alla Salute, ma ancora non c’è una decisione definitiva.

I consumatori bocciano senza appello l’idea di introdurre una tassa sulle bibite gassate profilata dal governo. «Si tratta di una ‘tassa ipocrita’ – spiega il presidente Carlo Rienzi -. Con la scusa della corretta alimentazione e dello scopo sanitario, il Governo vuole mettere le mani nelle tasche dei cittadini, aumentando il costo delle bibite gassate. In sostanza per colmare i vuoti della casse statali si cerca di far perdere i chili di troppo agli italiani». «Se davvero il Governo ci tiene a diffondere uno stile di vita sano e una corretta alimentazione, dovrebbe aumentare l’informazione specie attraverso campagne dirette ai giovani. Non si capisce poi – prosegue Rienzi – perché tassare solo le bibite gassate lasciando fuori altri prodotti alimentari che fanno altrettanto male alla salute, come merendine o patatine fritte.» Anche la Coldiretti ribatte che per migliorare concretamente la qualità dell’alimentazione nelle giovani generazioni occorre aumentare la quantità di frutta nelle bibite che oggi per legge contengono appena il 12 per cento di vero succo.  

Anche il presidente dei senatori del Pdl, Maurizio Gasparri si dice contrario a questa ulteriore tassa: «Ora il Governo Monti vuol tassare pure le aranciate dei ragazzini. Torna l’ipotesi di una tassa supplementare sulle bibiteche colpirebbe ulteriormente consumatori già esausti. È una ipotesi sbagliata e non riteniamo accettabile questo stillicidio fiscale proprio mentre si fanno troppi annunci di riduzione dei prelievi che poi palazzo Chigi regolarmente smentisce». Della stessa opinione è Ignazio Marino, senatore del Pd e presidente della Commissione d’inchiesta sul servizio sanitario nazionale: «Tassare per tre anni le bevande gassate significa, ancora una volta, cercare di fare cassa e non disegnare un piano strategico per la salute pubblica». Lo afferma «Una solida riforma – prosegue Marino – sarebbe rappresentata invece dall’introduzione di un corso di educazione agli stili di vita sin dalle classi elementari. Significherebbe investire in generazioni di italiani maggiormente sani, meno dediti al fumo, ai cibi non salutari e più inclini al movimento fisico. Tutto questo si rifletterebbe in una significativa riduzione dei costi del Servizio sanitario nazionale». «Una visione strategica – conclude l’esponente democratico- assolutamente necessaria per mantenere la sostenibilità del Servizio sanitario nazionale in un Paese come l’Italia che, insieme al Giappone, ha la popolazione più longeva della Terra». (Fonte:La Stampa)

Cittaceleste.it-Redazione NEWS

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy