VIDEO – Le parole di Petkovic e Floccari!

VIDEO – Le parole di Petkovic e Floccari!

ATENE – Tutto pronto allo Stadio Olimpico di Atene per la conferenza stampa di Vladimir Petkovic e di un calciatore biancoceleste. La sala stampa è stracolma di giornalisti mentre all’interno dell’impianto sono in corso prove audio per l’inno della squadra di casa e per quello della manifestazione Ore 17:00: Si…

ATENE – Tutto pronto allo Stadio Olimpico di Atene per la conferenza stampa di Vladimir Petkovic e di un calciatore biancoceleste. La sala stampa è stracolma di giornalisti mentre all’interno dell’impianto sono in corso prove audio per l’inno della squadra di casa e per quello della manifestazione

Ore 17:00: Si è conclusa la conferenza di Petkovic e Floccari.


Ore 16:50: Il microfono passa ora a Sergio Floccari.



Quanto pesa sostituire Klose: “Innanzitutto buonasera a tutti. Chiaramente prima di entrare nel merito di questo discorso, faccio una valutazione di squadra. Miro per noi è importantissimo a livello tecnico, calcistico ed umano. E’ un grande riferimento. Ognuno di noi, quando chiamato in causa, deve però dare il 100% per il gruppo,e magari togliersi delle soddisfazioni insieme a tutti”.

Visto che è calabrese ci dice cosa conosce della Panathinaikos: “Beh, si siamo più vicini (ride ndr). E’ una squadra importante che sappiamo essere in difficoltà nel proprio campionato. Saranno però motivati. Sono un buon gruppo, che ha grande esperienza in campo europeo”.

Rimanere anche a Gennaio: “Nel calcio penso ci sia una regola che vale per tutti. Cioè che non si può escludere nulla. L’idea di rimanere però rimane. Voglio continuare sulla strada intrapresa quest’estate”.

Atteggiamento positivo nella concorrenza. Qual’è l’aspetto prioritario nella scelta di rimanere? Diciamo che le componenti sono state diverse. La consapevolezza di far parte di una grande squadra. A 30 anni, sicuramente, il fatto di giocare è importante. Però, la Lazio, è una squadra forte, che gioca su diversi fronti. C’è quest’esperienza meravigliosa che è l’Europa League, e in campionato si lotta. Il mio compito ora è di propormi al meglio per sfruttare al meglio le occasioni. Girare il continente con la Lazio ed affrontare Tottenham, Panathinaikos, etc. sono soddisfazioni che vanno aldilà di altri discorsi”.

Quando giochi poco conta più il fisico o la mente: “Chiaramente uno cerca di mantenersi a buoni livelli durante l’allenamento, anche se la partita ti da il ritmo. L’aspetto mentale entra in gioco qui. Può darti la spinta quando manca la continuità”.


Floccari il titolare di Europa League: “No. So di far parte di una grande squadra. Siamo tanti e non mi piace, anche se scherzosamente tanti lo dicono, darmi questa nomina. Qualsiasi calciatore del gruppo può diventare importante in una stagione, sia in Serie A, sia in Coppa. Il mio compito è di allenarmi al meglio, per farmi trovare punto. Lo pensavo già da quest’estate. Poi che sia Europa League, Campionato o Coppa Italia, non conta.”


VIDEO DELL’INVIATO SIMONE DAVIDE


 


Ore 16:33: Si parte.Parla Vladimir Petkovic.


L’euforia post-Milan caricherà la Lazio? O è pericolosa? “Non siamo una squadra che si esalta. Abbiamo una mentalità che ci fa essere contenti, ma con i piedi per terra. Questi due gol subiti nel finale ci ha riportato nella realtà. La squadra sono sicuro che non ne risentirà”.

Lorik Cana, dove può servire? “Giocatore polivalente. Anche nell’Albania gioca da centrale difensivo. Lui può ricoprire ruoli a centrocampo sia a due che a tre.”

La Lazio si trova in una buonissima situazione. Il Panathinaikos invece no. Avete paura che i vostri giocatori possano pensare che il Panathinaikos sia in difficoltà? “No. Anche qualche giorno fa, contro il Milan, avversario ferito, abbiamo sperimentato come una grande squadra prova a vincere fino alla fine. Rispettiamo i greci, anche perché hanno una storia, un’importanza, e un pubblico caldissimo”.

Rischio di sottovalutare il Panathinaikos: “No, non si può, perché nessuno sottovaluta noi. Dobbiamo credere nelle nostre risorse, è vero, cercando d’imporre il nostro gioco, ma serve il rispetto dell’avversario”.

L’importanza dell’Europa League: “E’ molto importante dopo un anno combattuto per arrivare in questa manifestazione, continuare su questa strada. La propria reputazione si costruisce con queste sfide europee. Se vinciamo, si parlerà sempre di più della Lazio all’estero”.

Klose con chi ha concordato la sua assenza?: “Non c’è nessun caso. Pensiamo che sarà pronto per tutti gli impegni futuri. E’ tutto chiaro. Abbiamo parlato, ha ricevuto un permesso per fare certe cose. Era previsto già da qualche giorno. Lasciarlo a Roma? Come buon professionista vuole aiutare la squadra, con la possibilità anche di giocare”.

Il modulo della Lazio: “Il nostro è uno schieramento molto flessibile. Domani sarà ancora cosi”.


Zarate avrà una nuova possibilità: “Non c’è un caso Zarate particolare. Lui ha la stessa possibilità degli altri visto che è stato convocato come loro e deciderò la formazione solo più avanti”.

Gonzalez: “Sicuramente ha dimostrato che è importante per la squadra. Il suo livello fisico è quello di un diesel. Se gioca di più, per me farà sempre meglio. Domani potrebbe ancora scendere in campo”

100% : “Dobbiamo diventare più bravi per mantenere la qualità del gioco buona per tutta la gara. Siamo comunque sulla buona strada. Nell’ultima partita abbiamo concesso solo quindici-venti minuti”.


La formazione: “Cercheremo sicuramente di mettere in campo il migliori 11 possibile.”

Che partita si aspetta la Lazio. Confermare il primo posto? “Sarà una gara difficile. Il Panathinaikos è un avversario sicuramente che avrà voglia di riscattarsi ed avvicinarsi alla vetta. Per loro è importante fare punti per il proseguo della manifestazione. Dobbiamo essere intelligente nel pungere quando si può. Non facciamo schiacciare, ne intimorire dal pubblico. Giochiamo come abbiamo sempre fatto”.

L’assenza di Klose: “Non c’è, ma ci sarà. Ha ricevuto un permesso per stare ancora meglio in vista dei prossimi impegni della Lazio”.

Ore 16:32: La delefazione biancoceleste è entrata. Oltre ai membri dell’ufficio stampa, Vladimir Petkovic e Sergio Floccari.

Ore 16:23: La conferenza non è ancora cominciata. Rimaniamo in attesa. Il Panathinaikos intanto ha offerto un rinfresco

Ore 16.15: Siamo tutti in attesa di Vladimir Petkovic.

Mirko Borghesi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy