War Painting per la Lazio – FOTO & VIDEO

War Painting per la Lazio – FOTO & VIDEO

di FEDERICO TERENZI ROMA – Petkovic avrà sentito profumo di Svizzera, avrà pensato a quelle belle Alpi che si innalzano davanti alla sua Berna. Per far risalire la Lazio di classifica, tutti dentro il pullman e pronti a raggiungere la meta. Scorgiamo le treccine stile Mimosa di Cavanda e ci…

di FEDERICO TERENZI

ROMA – Petkovic avrà sentito profumo di Svizzera, avrà pensato a quelle belle Alpi che si innalzano davanti alla sua Berna. Per far risalire la Lazio di classifica, tutti dentro il pullman e pronti a raggiungere la meta. Scorgiamo le treccine stile Mimosa di Cavanda e ci mettiamo all’ inseguimento del pullman per capire quale sarà la destinazione. Siamo poco distanti dal centro sportivo di Formello, in mezzo a vie anguste e tortuose, prendiamo la Cassia, la campagna romana offre tutta la sua disponibilità alla squadra di Petkovic, la pioggia certo non aiuta. Arriviamo a destinazione, il pullman, vista la sua mole non riesce a girare, il primo a dare un’occhiata alla situazione è Corapi. Tutti giù dal pullman e a piedi fino alla meta Keita sembra sorpreso: “Ma come farà a girare questo!?” si chiede stupito. Ci sono tutti, scorgiamo Klose, Keita, Biava, Berisha, insomma la rosa al completo. Dopo aver aiutato l’autista a fare manovra, come i miglior Bombolo parcheggiatore, arriviamo al posto segreto. Davanti a noi una grande distesa verde, tre militari e la squadra pronta a seguire delle indicazioni. Dopo le spiegazioni iniziali di rito, viene allestito un campo di combattimento, per simulare una vero e proprio campo di battaglia. Le compagnie si mettono la tuta, la maschera e in mano hanno una sorta di fucile che spara a salve, o vernice, eravano troppo distanti per poterlo vedere. Le indicazioni dell’ istruttore sono davvero perentorie: “Qui non siamo sul terreno di gioco, qui siamo in un campo diverso, non dovete mai sollevare la maschera.Chi viene colpito sarà eliminato.Dovete aiutare i vostri compagni, proteggerli in mezzo al campo.” Quello che da sempre chiede il mister ai suoi giocatore, di stare compatti uniti aiutarsi l’uno con l’altro. Per conquistare la campagna di Verona, bisogna tirare fuori gli artigli, mettere da parte gli egoismi e tornare a volare come la nostra Olimpia.

FLASH – Via da Formello, almeno per qualche ora. Petko le prova tutte. Ieri in allenamento ha alzato la voce, insieme a Manicone: vuole risposte anche a Verona, dopo la vittoria sul Livorno. Questa mattina, Vlado ha portato la squadra in una zona montuosa sempre vicino il centro sportivo di Formello. La squadra al completo, è stata accolta da un uomo in tuta mimetica presso una abitazione privata. Presente anche il mental coach Corapi. Cittaceleste, si trova sul posto. In basso, le foto e il video.

 

AGGIORNAMENTO ORE 11.21Svelato l’arcano: per la Lazio è stato allestito un percorso militare e in questo momento, i giocatori stanno giocando a “war painting“. Chi viene colpito, sarà eliminato. Primi di iniziare, sono state spiegate loro le regole.

Foto Cittaceleste.it © 2013

Foto Cittaceleste.it © 2013

AGGIORNAMENTO ORE 11.18 – Curiosa, la situazione. La località scelta da Petkovic sembra essere un piccolo poligono di tiro. Da lontano, infatti, si sentono degli spari.


LAZIO IN MONTAGNA di cittaceleste

Foto Cittaceleste.it © 2013

Foto Cittaceleste.it © 2013

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy