Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

calciomercato

Mercato Lazio, Botheim sfuma. Lasagna rimane una possibilità

Lasagna e Acerbi

Niente Botheim per la Lazio, il centravanti norvegese è in procinto di firmare per il Krasnodar. Al suo posto resta viva la pista Lasagna

redazionecittaceleste

Niente Erik Botheim per la Lazio. L'attaccante classe 2000 che tanto bene ha fatto in Conference League, specialmente nelle gare contro la Roma, sembrerebbe essere ormai definitivamente sfumato. Il mercato invernale non è ancora iniziato ma la compagine biancoceleste ha già visto svanire la prima suggestione. Ad accaparrarsi il cartellino del centravanti norvegese sarà molto probabilmente il Krasnodar. Compagine russa pronta a rilevare il giocatore dal Bodo Glimt in cambio di qualcosa come cinque milioni di euro. Una cifra piuttosto bassa dettata anche dal fatto che il contratto del giocatore scadrà a dicembre del prossimo anno. Insomma, la società biancoceleste non comprerà il ventunenne scandinavo ma consegnare un vice Ciro Immobile nelle mani di Maurizio Sarri rimane una delle priorità.

 Igli Tare

Il nome caldo

Il nome tornato di moda da un po' di tempo a questa parte è sempre quello di Kevin Lasagna. Il centravanti italiano nato nel 1992 non riesce a trovare spazio nella rosa dell'Hellas Verona e sarebbe molto propenso ad abbracciare una nuova avventura. Come sostituito di Immobile sarebbe interessante. Anche perché i due, anni addietro, si sono anche contesi un posto in Nazionale. Tuttavia, dopo aver toccato il picco più alto della propria carriera con la convocazione azzurra, la carriera del ventinovenne, trent'anni li compirà ad agosto prossimo, è andata via via scemando. La Lazio sarebbe una destinazione decisamente difficile da rifiutare.

In uscita

Prima di vendere, però, bisognerà fare spazio in rosa. Sarà allora compito del direttore sportivo Igli Tare sistemare altrove, oltre agli eventuali calciatori non apprezzati dal mister come Jony oppure Gonzalo Escalante, gli elementi che non sono ormai più utili alla causa. Il nome in cima alla lista è quello di Denis Vavro. Il difensore slovacco ha manifestato la voglia di cambiare aria già da tempo. Oltre che per lui, anche il periodo di Vedat Muriqi nella Capitale sembrerebbe ormai finito.