• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

ACCADDE OGGI: 29 ottobre 2008, Chievo – Lazio 1-2

ACCADDE OGGI: 29 ottobre 2008, Chievo – Lazio 1-2

Il 29 ottobre 2008, la Lazio espugna il Bentegodi di Verona battendo il Chievo in rimonta 1-2, dopo un momento di difficoltà in cui versava la squadra capitolina.

di redazionecittaceleste
Chievo-Lazio

Di Cristian Cordone

ROMA – Era il 29 ottobre 2008, la Lazio di Delio Rossi al suo quarto anno in biancoceleste non vive un momento facile, e la bellissima annata che ha portato la Lazio in Champions sembra solo un ricordo lontano. I biancocelesti affrontano il Chievo Verona di Giuseppe Iachini al Bentegodi nella nona giornata del campionato di Serie A. La Lazio arriva da due sconfitte consecutive contro Napoli e Bologna, ed è al settimo posto in classifica. I clivensi invece dalla sconfitta contro il Cagliari e il pareggio contro l’Atalanta e si trovano al terzultimo posto in piena zona retrocessione. E’ il Chievo ad essere subito pericoloso dopo pochi minuti, con il terzino Malagò che dalla fascia destra lascia partire un cross, colpo di testa di Pellissier che finisce a lato di un soffio. Al 12′ il Chievo è avanti, azione di Bentivoglio che dalla trequarti serve il solito Pellissier, che dal vertice sinistro dell’area di rigore calcia di sinistro verso la porta in diagonale, Carrizo non può nulla ed è 1-0 per i veneti. Era nell’aria il gol del Chievo la Lazio colpita non ci sta, al 15′ Zarate sguscia via come un anguilla ai difensori del Chievo entra in area di rigore sulla sinistra, mette al centro dove c’è Pandev che dal limite dell’area piccola appoggia di piatto in rete battendo Sorrentino, 1-1 Lazio che ribatte immediatamente al vantaggio gialloblù. Al 16′ sugli sviluppi di un corner svetta solitario Mantovani ,che di testa manda fuori di poco. Al 29′ Kolarov servito da Pandev sulla trequarti lascia partire la solita saetta di sinistro, palla al lato di un unghia. Minuto numero 30, Bentivoglio ci prova da fuori, il suo tiro non è potente, ma pericoloso, fuori di poco con Carrixo che controlla comunque la traiettoria. E’ una partita vivace quella del Bentegodi, Delio Rossi prova a renderla ancora più viva inserendo Rocchi al posto di Kolarov ad inizio secondo tempo. Al 50′ Lazio ancora pericolosa, Ledesma verticalizza per Rocchi che prova a sorprendere Sorrentino in uscita con un pallonetto, il pallone termina largo di nulla. Al 54′ lancio della difesa clivense Pellissier fa la sponda di petto, arriva di gran carriera Bogdani che dal limite dell’area di rigore calcia forte e teso verso la porta laziale, Carrizo è attento e compie un bella parata distendendosi sulla sua destra. Al 60′ occasione colossale per la Lazio che va ad un centimetro dal vantaggio, corner di Zarate a rientrare, Rocchi colpisce di testa Sorrentino impietrito osserva la sfera finire sul fondo e sfiorare il palo alla sua destra. Fuori Zarate dentro Makinwa per la Lazio, con l’argentino che si innervosisce per la sostituzione. Minuto numero 66′, bella palla recuperata da Ledesma, ancora una volta con una verticalizzazione meravigliosa pesca Pandev in area che di sinistro non riesce a segnare calciando addosso a Sorrentino. La Lazio vuole il gol per vincere la partita, ci prova in tutti i modi ma errori di precisione e sfortuna si mettono di traverso, fino all’82’, quando Radu dalla fascia sinistra pennella un cross in area di rigore Makinwa va a vuoto, ma ci pensa Mantovani, che con un tap-in da attaccante ma nella porta sbagliata porta il risultato sull’ 1-2, clamoroso autogol del Chievo. La Lazio ritrova la vittoria dopo due ko consecutivi, con un pizzico di fortuna, Lazio che ha macinato gioco ma è stata poco cinica sotto porta, ma si sa la fortuna aiuta gli audaci.

CHIEVO VERONA: Sorrentino, Malagò, Mandelli, Yepes, Mantovani, Luciano (86′ Esposito), Patrascu, Bentivoglio, Marcolini (65′ D’Anna), Pellissier, Bogdani (72′ Kerlon). A disposizione: Squizzi, Cesar, Frey, Iunco. Allenatore: G.Iachini.

LAZIO: Carrizo, De Silvestri, Siviglia, Rozehnal, Radu, Lichtsteiner, Dabo (80′ Brocchi), Ledesma, Kolarov (46′ Rocchi), Pandev, Zarate (74′ Makinwa). A disposizione: Muslera, Diakite, S.Inzaghi, Mendicino. Allenatore: D.Rossi.

Arbitro: Sig. Bergonzi di Genova – Assistenti Sigg. Griselli e Calcagno – Quarto uomo Sig. Rizzoli.

Marcatori: 11′ Pellissier, 14′ Pandev, 82′ Mantovani (aut).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy