• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

ACCADDE OGGI: 5 novembre 2016, Napoli – Lazio 1-1

ACCADDE OGGI: 5 novembre 2016, Napoli – Lazio 1-1

Il 5 novembre 2016, la Lazio pareggia al San Paolo contro il Napoli, nasce la Lazio targata Simone Inzaghi.

di redazionecittaceleste

Di Cristian Cordone

ROMA – Era il 5 novembre 2016, la Lazio di Inzaghi affronta il Napoli di Sarri al San Paolo nella dodicesima giornata del campionato di Serie A. I partenopei si trovano al quinto posto in classifica ad un solo punto proprio dalla Lazio, che si trova quarta. La Lazio arriva dal doppio successo contro Sassuolo e Cagliari, i napoletani invece dalla sconfitta contro la Juventus e la vittoria contro l’Empoli. Il mister della Lazio Simone Inzaghi, contro il Napoli decide di cambiare assetto tattico, dal solito 4-3-3 passa ad un 3-5-2, scelta che lascia molto sorpresi. Proprio in questa occasione nasce la Lazio di Inzaghi, che da quel giorno non ha più cambiato modulo di gioco, facendo del 3-5-2 il proprio marchio di fabbrica. Subito Napoli molto pericoloso, al 2′ minuto con Mertens che dalla lunetta dell’area di rigore lascia partire un destro potente che sfiora il palo alla destra di Marchetti impietrito, che osserva la sfera finire fuori. Ritmi molto alti con le due squadre che osano molto, al 13′ brutta palla persa da Parolo a centrocampo, Koulibaly serve Insigne che da fuori area spara con il destro, Marchetti smanaccia il tiro, bella parate dell’estremo difensore laziale. Al 25′ punizione per il Napoli ai 25 metri con il destro a giro che termina ad un centimetro dal palo alla destra di Marchetti. Minuto numero 35 è sempre Napoli, il solito Mertens che semina il panico nella difesa laziale, ma il belga la momento del tiro sbaglia calciando alto, dal limite dell’area di rigore. La Lazio soffre la manovra avvolgente del Napoli, e risponde come può al tramonto del primo tempo, con Milinkovic-Savic che di testa manda alto su cross di Biglia al 43′. Il primo tempo tutto o quasi a tinte azzurre, con la Lazio che contiene bene in difesa con il nuovo modulo, ma deve anche ringraziare la fortuna in un paio di occasioni. Nella ripresa la Lazio sembra più arrembante, la prima occasione infatti è biancoceleste, al 48′ Immobile servito da Lulic sul vertice sinistro dell’area di rigore, conclude con il destro in diagonale, Reina si distende e respinge il tiro. Non si fa attendere la risposta del Napoli, al 50′ Insigne punta Basta nell’area laziale, il folletto napoletano disegna una parabola con il sinistro, Marchetti vola e mette in calcio d’angolo. Due minuti più tardi, al 52′ il Napoli è avanti, passaggio in profondità di Ghoulam, che pesca Hamsik, la Lazio è scoperta, lo slovacco entra in area di rigore, serpentina tra Basta e Wallace con diagonale di sinistro che batte Marchetti, 1-0 per il Napoli che la sblocca dopo un assedio durato più di un tempo. La Lazio proprio non ci sta e risponde subito, al 54′ Parolo trova Keita Balde con il filtrante in area di rigore, il numero 14 biancoceleste punta Chiriches e con il destro calcia in porta, Reina non è impeccabile e la palla è in rete, gol di Keita,1-1 pareggio immediato della Lazio.

Il Napoli vuole il vantaggio, e ci riprova con Hamsik al 56′ che dai 35 metri controlla e tira con il destro volante, Marchetti ancora super, devia in angolo. Al 61′ ancora Napoli che vuole la vittoria a tutti costi, Hisay si libera di Immobile al limite dell’area, e lascia partire un gran destro che Marchetti vola e neutralizza mandando in angolo, il portiere di Bassano del Grappa è in serata positiva. La Lazio pensa solo a difendere e si affida al contropiede, non succede più nulla, finisce così allo stadio San Paolo, 1-1 tra Napoli e Lazio, i biancocelesti conservano il +1 sul Napoli e si godono il quarto posto. Questa partita sarà certamente ricordata, più che per il risultato, per la nascita della Lazio di Inzaghi, che cambia totalmente il suo modo di giocare, passando dalla difesa a 4 a quella a 3, una scelta che in futuro ha ripagato portando alla Lazio ottimi risultati, questo modulo è ancora oggi il marchio di fabbrica della squadra biancoceleste,utilizza in campo alla guida di mister Simone Inzaghi.

NAPOLI: Reina, Hysaj, Chiriches, Koulibaly, Ghoulam, Zielinski, Diawara, Hamsik (87′ Allan), Callejon (81′ El Kaddouri), Mertens, Insigne (67′ Gabbiadini). A disposizione: Sepe, Rafael, Maksimovic, Strinic, Tonelli, Maggio, Rog, Jorginho, Giaccherini. Allenatore: Sarri.

LAZIO: Marchetti, Basta, Wallace, Radu, Felipe Anderson, Milinkovic, Biglia, Parolo, Lulic (78′ Patric), Keita (83′ Djordjevic), Immobile (87′ Lombardi). A disposizione: Strakosha, Vargic, Bastos, Hoedt, Vinicius, Cataldi, Kishna, Murgia, Leitner. Allenatore: S. Inzaghi.

Arbitro: sig. Damato di Barletta – Assistenti Sigg. Barbirati e Longo – Quarto uomo Sig. Marzaloni – Assistenti di porta Sigg. Massa e Irrati.

Marcatori: 52′ Hamsik, 54′ Keita.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy