• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Esclusiva, Djibril Cissè: “Se quel gol al derby fosse entrato sarei ancora alla Lazio. Che rimpianto essere andato via…”

Esclusiva, Djibril Cissè: “Se quel gol al derby fosse entrato sarei ancora alla Lazio. Che rimpianto essere andato via…”

In esclusiva ai nostri microfoni parla Djibril Cissè

di redazionecittaceleste

Di Ramona Marconi

ROMA – Dal campo alle serate nelle vesti di Dj. La nuova vita di Djibril Cissè, ex bomber della Lazio, è fatta di cose semplici: papà a tempo pieno, marito della splendida Jude Littler, serate tra Corsica e Parigi.
unnamed

Ma il campione di origine ivoriana trova sempre il tempo per guardare la nostra Serie A e sopratutto la Lazio. Ce lo racconta in questa intervista,  in esclusiva ai nostri microfoni.

Tra un impegno e un altro, riesci ancora a guardare la Serie A e soprattutto la Lazio?

Certamente. Seguo il vostro campionato e soprattutto la Lazio, squadra a cui sono ancora molto legato.

Domenica ci sarà Lazio-Juve, cosa ti aspetti da questo match?

A differenza di quello che si pensa sulla carta, io credo che sarà una partita combattuta. Una sfida che per me può finire in pareggio. Anzi, io punterei su un combattuto 2-2.

Il ricordo più bello che ti lega alla Lazio?

Sono due: il mio gol a Milano contro il Milan, ma anche il mio arrivo a Fiumicino in mezzo a quel bagno di folla. Fu una grande emozione. E’ stato tutto pazzesco! Io amavo la Lazio, quella gente e amavo Roma. Infatti oltre a dirti quali sono stati i miei ricordi più belli, ti dico che il mio rimpianto è stato quello di aver lasciato la Lazio. Non dovevo farlo, sarei dovuto rimanere. Oggi lo so…

Tra i rimpianti c’è anche quel gol al derby, che non è entrato?

Non è un rimpianto. Ma avrei voluto segnare quel gol, in quel modo e in quella partita. Probabilmente se quella palla fosse entrata io sarei rimasto…

Mi racconti la tua nuova vita da dj?

In realtà ho sempre fatto il dj ma per passione, oggi lo faccio per professione. Amo questo lavoro. E’ una pressione diversa rispetto al pallone, ma è pur sempre una pressione.

Ora dove ti trovi? 

Sono in continuo viaggio, mi sposto tra la Corsica e Parigi facendo serate. Sono felice.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy