• SUL CAN.85 DELLA TUA TV TROVI CITTACELESTE TV - 24 ORE AL GIORNO, IN DIRETTA, PER PARLARTI DI LAZIO!

ESCLUSIVA – Federico Macheda: “Sogno la Lazio ma non ho rimpianti. Vi racconto Ronaldo…”

ESCLUSIVA – Federico Macheda: “Sogno la Lazio ma non ho rimpianti. Vi racconto Ronaldo…”

Federico Macheda, oggi attaccante del Panathīnaïkos e con un passato al Manchester United, si racconta in esclusiva ai nostri microfoni. Tra sogni, rimpianti e la solita fede, quella per la Lazio…

di redazionecittaceleste

Di RAMONA MARCONI

ROMA – Quando hai la fortuna di essere allenato a soli 17 anni da Sir Alex Ferguson, di giocare 4 mesi al fianco di Cristiano Ronaldo, capisci di essere un predestinato.

Federico Macheda, oggi attaccante del Panathīnaïkos e con un passato da ragazzo prodigio al Manchester United, si racconta in esclusiva ai nostri microfoni. Tra sogni, rimpianti e la solita fede, quella per la Lazio…

Come ha visto la Lazio con Empoli?

Forse è un po’ sulle gambe e stanca, ma è riuscita a dare continuità a quanto fatto nelle ultime due partite.

Sei laziale da sempre, trovi anche il tempo di guardare le vicende in casa Lazio?

Sì, quando ho tempo, mi piace molto seguire le partite della Lazio. Io rimango un tifoso laziale.

In passato si era parlato di un tuo approdo in biancoceleste. Ci racconti?

Tante volte se n’è parlato però, di discorsi concreti, non se ne sono mai fatti. Quindi, purtroppo, ho poco da dire.

E fa parte dei tuoi rimpianti?

Rimpianti no, però un giorno mi piacerebbe molto giocare nella Lazio. Oggi sto bene qui, ci tengo a fare bene, ma sono stato sempre un tifoso laziale, andavo allo stadio anche da bambino. Se dovesse succedere ne sarei onorato…

Hai giocato con Ronaldo, proprio lui spese belle parole su di te in passato. Cosa ne pensi del suo approdo alla Juve? 

L’approdo di Ronaldo in Serie A ha dato grande visibilità al campionato italiano. Cristiano Ronaldo è un campione, vuole sempre migliorarsi e ovunque è andato ha fatto sempre la differenza. E’ stata una bella sfida per lui perchè ricominciare dal campionato italiano non era affatto facile, eppure, sta dimostrando di essere uno dei giocatori più forti della storia. La Juve ha fatto un grandissimo colpo.

Vi siete più sentiti? Un episodio che ti lega a lui?

No, non l’ho più sentito perché c’ho giocato davvero poco, perchè venivo dalle giovanili e io ho fatto solo 4 mesi in prima squadra con lui. E’ una persona molto umile, dispensava consigli a tutti e aver condiviso anche soli 4 mesi con lui è stata una grandissima esperienza. C’è solo da imparare da Ronaldo…

Quarto posto?

Bella lotta, ma alla fine se la giocheranno Lazio, Roma e Milan, che sono le squadre più apprezzate. Io spero che quest’anno tocchi alla Lazio. Ha tutte le carte in regola per centrare l’obiettivo.

Europa League e Coppa Italia: la Lazio dove può arrivare?

La Coppa Italia è alla portata. Se riuscisse a battere il Milan la finale è decisamente più abbordabile rispetto agli scorsi anni. La Coppa Italia rimane un trofeo importante. In Europa, invece, non è facile: la prossima sfida sarà davvero difficile. La Lazio comunque ha degli ottimi giocatori e può giocarsela con chiunque. Non è impossibile, se la può giocare.

Come ti trovi nel campionato greco?

Sto veramente bene. La città è bellissima, la piazza è importante. Mi sento importante, la società mi ha dato fiducia e importanza.

Ritorno in Italia?

Al momento non ci penso, adesso penso al Panathinaikos. Vorrei continuare a fare bene come sto facendo fino a fine stagione. Poi si vedrà…

BOMBA DI CALCIOMERCATO, TIFOSI DELLA SERIE A SCONVOLTA >>> CONTINUA A LEGGERE

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy