ESCLUSIVA – Keita si dà malato a Barcellona: “Non rischia solo una multa…”

Le ultime dal centro sportivo biancoceleste

di redazionecittaceleste

ROMA – E’ l’effetto del contraccolpo psicologico subito da Keita in seguito alla mancata convocazione per la Supercoppa. Lo aveva detto in un tweet, il senegalese, adesso si comporta con le conseguenze del suo disagio. Secondo le nostre esclusive indiscrezioni, infatti, Keita ha deciso di darsi “malato” e sta a casa a Barcellona. La sua diserzione a Formello dunque potrebbe prolungarsi a data da destinarsi…

AGGIORNAMENTO ORE 20:00 – Dopo le azioni di Keita, ecco la risposta della società tramite le parole dell’avvocato del club capitolino Gentile: “Ancora non è stato fatto nulla, ma visto che Keita non si è presentato, bisogna vedere se Inzaghi gli abbia inoltrato una diffida a farlo. In questo caso, la Lazio allora avrebbe la facoltà di multare il giocatore, che come tutti i lavoratori ha anche dei doveri oltre che dei diritti. L’eventuale sanzione sarà poi graduata in base alla gravità dell’inadempimento. Fino a una certa cifra potrà fare tutto direttamente la Lazio. Se invece il comportamento del calciatore dovesse prolungarsi, allora il club dovrà rivolgersi al Collegio Arbitrale, che convocherà le parti affinché venga definita la giusta sanzione. In quest’ultimo caso si tratterebbe comunque di una procedura molto veloce”.

Se non è rottura totale, poco ci manca: oggi la Lazio riprende gli allenamenti in vista della sfida con la Spal, e Keita non si è presentato a Formello. Un segnale chiaro per tutti: dopo l’esclusione dalla partita di Supercoppa e dopo tutto quello che ne è seguito, ecco che il senegalese prende posizione e si esclude da solo. Ora la Lazio dovrà rispondere, in attesa di un nuovo capitolo per una vicenda che va avanti ormai da tempo.

keita-lazio

MERCATO

Un segnale importante anche in ottica mercato: il giocatore appare sempre più lontano dalla Lazio. Stando alle parole del presidente Lotito, Keita ha rifiutato diverse offerte. Dal Tottenham all’Inter, passando per il Milan: più squadre si sono fatte sotto per il senegalese, ma lui non ha mai accettato nessuna di queste destinazioni. La Juve resta sullo sfondo, ma la distanza con la Lazio resta ampia: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy