• SEGUI LA LAZIO IN DIRETTA: ACCENDI IL CANALE 85 DELLA TUA TV!

Lazio, attenta ai calci piazzati: il Milan sa come far male

Dai calci di punizione fino ai tiri dalla bandierina: i rossoneri hanno un arsenale a disposizione

di redazionecittaceleste

di Leonardo Mazzeo

ROMA – Anche Lucas Biglia tra le carte a disposizione di Montella per i calci piazzati. Una carta rubata proprio dal mazzo di Simone Inzaghi. Ma non solo l’argentino: i rossoneri vantavano già elementi con piedi raffinati in rosa, e si sono rinforzati ulteriormente nel mercato estivo. I biancocelesti dovranno stare attenti a non concedere troppi tiri dal limite. E dalla bandierina…

suso-lazio

CALCI DI PUNIZIONE

Il piede di Suso ha già piegato in due il Cagliari: lo spagnolo ha tolto le castagne dal fuoco nell’ultima sfida giocata dai rossoneri, usciti vincitori da San Siro proprio grazie a un calcio di punizione dell’ex Liverpool. Oltre a lui, è arrivato un altro giocatore che col sinistro non se la cava per niente male: Ricardo Rodriguez ha segnato il primo gol ufficiale della stagione rossonera, a luglio, contro il Craiova, proprio da calcio piazzato. Un cross velenoso che si è trasformato in gol. A calciare le punizioni col destro, invece, sono in tre: sicuramente Calhanoglu, uno specialista nel settore, che con la maglia del Bayer Leverkusen ne ha segnato anche uno incredibile, da metà campo. Inoltre, Montella può contare anche su Biglia e su Jack Bonaventura. Un arsenale

Bonaventura

FATTORE ANGOLO

Il Milan, oltre che su calcio di punizione, sa far male anche con un altra situazione da palla inattiva: il calcio d’angolo. Un plus che ha le sue radici nella recente rifondazione: Kessié è forte fisicamente e si inserisce alla grande, Kalinic sfrutta bene le sue doti aeree, e poi c’è il nuovo comandante della difesa, Leonardo Bonucci. Che ha già colpito la Lazio, nella sua penultima apparizione in maglia bianconera, proprio dagli sviluppi di un tiro dalla bandierina.

La Lazio dovrà quindi prestare attenzione al modo in cui fermare gli attacchi rossoneri: stoppare un azione al limite dell’area vorrebbe dire concedere una grande occasione al Milan, che potrebbe risultare addirittura più grande dell’azione in corso. E sui calci d’angolo i centrali dovranno stare attenti e far valere la loro forza fisica. Inzaghi, forse anche per questo, sta pensando all’inserimento di Bastos dal primo minuto: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy