• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Lazio, Caso: “Contro il Milan occasione persa, Immobile? parlano i numeri”

Lazio, Caso: “Contro il Milan occasione persa, Immobile? parlano i numeri”

L’ex allenatore della Lazio Domenico Caso, ha commentato il pareggio dei biancocelesti contro il Milan e di molto altro ancora.

di redazionecittaceleste

ROMA – La Lazio poteva sicuramente fare di più, contro il Milan è stata sciupata una buona occasione per staccare le concorrenti. Il quarto posto è salvo, ma bisogna ringraziare Correa, che con la sua perla ha regalato alla Lazio un

pareggio in extremis, dopo aver prodotto una buona mole di gioco, senza concretizzare. Della gara contro il Milan e non solo ha parlato l’ex allenatore della Lazio, nonché il primo dell’era Lotito, stiamo parlando di Domenico Caso, che ai microfoni di Elle Radio ha espresso la sua opinione: “Lazio-Milan è stata una partita molto strana, credo che la Lazio abbia perso un’occasione importante perché il Milan aveva molte assenze con cui fare i conti, l’occasione per allontanare una diretta concorrente dalla zona Champions c’era ma non è stata sfruttata. Ho visto un Milan in difficoltà nello sviluppo del gioco proprio a causa di queste defezioni e la Lazio avrebbe dovuto approfittarne, purtroppo il calcio è questo“.  LA LAZIO – Chi opera nella Lazio all’interno della società a livello tecnico sa come muoversi. La Lazio è un club che ha un bilancio straordinariamente in attivo e partiva da una base solida che poteva essere migliorato senza sforzi eccessivi. E’ chiaro che il salto di qualità te lo portano i campionissimi: sono arrivati ottimi giocatori come Acerbi e Correa, ma la vera svolta sono giocatori di spessore internazionale che sanno esaltare anche le qualità dei compagni che hanno accanto, calciatori di questo tipo mancano però in questo momento alla Lazio“.  IMMOBILE –Per Immobile parlano i numeri, è un giocatore che già nel Torino mi impressionò proprio in una partita contro la Lazio all’Olimpico. E’ un calciatore di altissimo livello, ma non può caricarsi da solo le responsabilità della squadra. In Nazionale ha trovato difficoltà che hanno riguardato tanti altri giocatori del nostro campionato, perché il livello delle Nazionali è molto alto, ma il punto fermo del futuro della Lazio è sicuramente lui. Accanto a Immobile ci vuole però qualche giocatore che possa accrescere la qualità generale, come ha fatto la Juventus che ha una batteria di campioni veri in attacco costruita nell’arco di varie stagioni“.  NESTA – Ho accolto con grande piacere l’esordio di Nesta al Perugia come allenatore tra i professionisti in Italia, mi legano a lui ricordi stupendi di quando era giovanissimo e lavoravamo insieme. Ora è un collega e non posso esprimere un giudizio non avendolo visto lavorare da vicino, ovviamente il mio augurio per lui è quello di una carriera importante e piena di soddisfazioni, spero che abbia quella fortuna che serve a tutti ma penso che le qualità le abbia, altrimenti una squadra importante come la Juve non l’avrebbe cercato“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy