Lazio, è un problema di testa

Il vero problema della Lazio, è la concentrazione in difesa.

di redazionecittaceleste

ROMA – Il problema della Lazio sembra arrivare dalla testa, la questione parte proprio da lì. Il gol di Saponara al 99′ ne è la prova, con la Lazio che doveva solamente gestire il risultato e il tempo, che da lì a poco sarebbe

unnamed

scaduto. Poi il black out, con la palla che danza pericolosamente in area e il buco clamoroso lasciato in mezzo all’area di rigore, dove Saponara ha fatto il bello e il cattivo tempo, infilando un indeciso Strakosha. Eppure la Lazio ha già pagato lo scorso anno i suoi black out, vedi Salisburgo dove in pochi minuti i biancocelesti hanno gettato alle ortiche la qualificazione in semifinale di Europa League con un vantaggio di due gol, tra andata e ritorno. Ma non è finita qui, perchè la stessa identica situazione si è verificata all’ultimo atto dello scorso campionato. Quando la Lazio di fece rimontare dall’Inter nel giro di 2 minuti, regalando la qualificazione in Champions ai nerazzurri. In questa stagione sono già 8 i black out tra coppa e campionato. I problemi arrivano appunto tutti dalla testa. Da nove giornate la Lazio incassa almeno un gol. Se attaccata nel modo giusto, la Lazio subisce sistematicamente gol: sono 18 le reti incassate contro le 16 dello scorso anno, ma soprattutto 16 gol fatti in meno. La Lazio dello scorso anno aveva 10 punti e Milinkovic e Luis Alberto in più. Occorre ritrovare in primis la testa, e se è possibile anche i due punti cardine della squadra.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy