• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Lazio, la madre di Luiz Felipe: “Lui un predestinato, Ramos in ricordo di suo nonno”

Lazio, la madre di Luiz Felipe: “Lui un predestinato, Ramos in ricordo di suo nonno”

La madre del difensore biancoceleste Luiz Felipe Ramos, racconta la storia calcistica di suo figlio.

di redazionecittaceleste

ROMA – Il difensore della Lazio Luiz Felipe Ramos Marchi, meglio noto come Luiz Felipe, è arrivato dalla Serie D brasiliana, giocava nell’Ituano appunto quando il DS della Lazio Tare decide di portarlo a Roma. Il difensore classe

97′ però viene subito girato in prestito alla Salernitana. Dopo una stagione poco fortunata in terra campana, la Lazio lo riporta nella capitale alla fine del prestito e decide di inserirlo gradualmente nell’organico. Quest’anno Luiz Felipe sembra aver conquistato la fiducia di mister Inzaghi, essendo titolare o prima scelta nel ruolo di centro-destra della difesa a 3. Luiz Felipe è un difensore molto veloce e rapido, dotato di un ottimo anticipo, il centrale perfetto per caratteristiche, in affiancamento ad Acerbi e Radu, Ramos ha ampi margini di miglioramento, vista la giovane età, e può diventare il futuro centrale titolare della Lazio. In un’intervista la madre ha raccontato la storia di Luiz Felipe Ramos. Ramos appunto è il nome che gli è stato dato in onore di suo nonno, il suo primo mentore calcistico, deceduto troppo presto per vederlo giocare a grandi livelli, le parole di sua mamma: “Dopo che suo nonno è venuto a mancare, lui è diventato il vero uomo di casa“. “Il suo futuro era già scritto nel suo nome. Lo abbiamo chiamato Luiz perché così si chiamava suo nonno, Felipe invece in onore di Scolari, l’ex ct del Brasile“. “Il suo soprannome è Fefé, da piccolo tifava il Corinthians e il suo idolo era Rivaldo“. Sulla Lazio: “È stato tutto molto veloce. Ne siamo venuti a conoscenza a luglio e ad agosto ha preso l’aereo per l’Italia“. Sulla possibilità di vederlo un giorno con la maglia della Nazionale italiana, in virtù di un bisnonno nato a Vicenza e poi emigrato in Brasile: “Sono felice per lui. Ho sempre creduto nella sua forza e nella sua caparbietà“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy