• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Lazio – Siviglia, Ruiz di Estadio Deportivo: “Squadre alla pari”

Lazio – Siviglia, Ruiz di Estadio Deportivo: “Squadre alla pari”

Poche ore al calcio d’inizio di Lazio – Siviglia. Il giornalista del quotidiano spagnolo Estadio Deportivo, Fernando Ruiz, ha analizzato il match

di redazionecittaceleste

ROMA – Mancano poche ore al calcio d’inizio della sfida tra Lazio e Siviglia, ai microfoni di TuttoMercatoWeb ha parlato il giornalista del quotidiano spagnolo Estadio Deportivo, Fernando Ruiz, per analizzare il match.

Queste le sue parole: Ruiz, come si presenta il Siviglia a questa sfida? “Con tanti punti interrogativi, soprattutto per il suo scarso rendimento lontano da casa, di gran lunga inferiore a quello casalingo. Il Sánchez-Pizjuán è sempre stato il punto di forza del Siviglia, ma nell’ultima gara casalinga con l’Eibar la squadra di Machin ha inaspettatamente mostrato lo stesso volto remissivo delle trasferte, pur riuscendo a segnare due reti tra l’88’ e il 92’, pareggiando in inferiorità numerica”.
Il Siviglia non le sembra dunque così favorito come dicono i pronostici… “Credo che abbia le stesse probabilità dei biancocelesti. Non voglio essere banale, ma sinceramente non vedo un chiaro favorito in questo doppio confronto. Se sono entrambe al loro miglior livello, gli andalusi sono superiori, ma scommetto che saranno come al solito gli episodi a decidere chi passerà il turno”.
Come viene considerata in Spagna la squadra di Inzaghi? “Una squadra storica e blasonata, con tanta qualità. C’è grande rispetto per i biancocelesti, in particolare per Ciro Immobile. È lui la vera minaccia della Lazio. Peccato che non abbia avuto il tempo né la fiducia per mostrare il suo valore anche al Siviglia in passato. Mister Emery non ci ha mai creduto davvero”.
Sicuramente titolari altri due ex Siviglia, quali Luis Alberto e Correa. “Correa sarà motivatissimo, vorrà dimostrare al Siviglia che si è sbagliato con la sua cessione anche se non si adattava bene al tipo di gioco del nuovo allenatore Pablo Machin. Luis Alberto invece è un simbolo di Nervión, canterano e sevillista. Ci terrà molto a offrire una grande prova per far vedere a tutti che è pronto per tornare al Siviglia”. Un interesse, quello dei biancorossi per Luis Alberto, che non è mai stato nascosto. “Assolutamente no, il Siviglia lo avevo già chiesto ai biancocelesti la scorsa estate. Vedremo cosa succederà nel prossimo mercato”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy