Primavera, il Napoli non perdona: sesta sconfitta consecutiva per la Lazio

Ecco le ulltime

di redazionecittaceleste

ROMA – Gli effetti della cura Bonacina non si fanno sentire, la Lazio Primavera cade ancora: il Napoli vince 2-1, ora la sconfitte consecutive sono sei (dodici stagionali su venti partite). Il parziale del primo tempo non cambia: doppietta di Palmieri per gli azzurri, il gol di Rozzi illude una Lazio che non riesce più a recuperare il passivo. E la lotta per non retrocedere si fa sempre più dura. Questo il tabellino del match:

Napoli-Lazio: 2-1 (6′, 9′ Palmieri, 13′ Rozzi)

Napoli (4-4-2): Schaeper; Schiavi, Zanoli, Manzi, Scarf; Mezzoni, Otranto, Abdallah, Zerbin; Palmieri, Gaetano. A disp. Maisto, Bartiromo, Pizza, Calvano, Micillo, Coglitore, Acunzo, Vecchione, Marino, Energe, Sgarbi, Massa. All. Loris Beoni.

Lazio (3-5-2): Alia; Kalaj, Silva, Petro; Spizzichino, Bari, Miceli, Marchesi, Falbo; Al-Hassan, Rozzi. A disp. Furlanetto, Boateng, Baxevanos, Battistoni, Mohamed, Javorcic, Aliaj, Del Signore, Peguiron. All. Valter Bonacina.

Arbitro: Vigile

Ass: Madonia-Cantafio

Di seguito le parole di Mister Bonacina al termine della partita contro il Napoli:

“Abbiamo iniziato bene con una grossa occasione per Rozzi. I due gol sono arrivati in pochi minuti, la squadra è demoralizzata e non riesce a reagire. C’è un problema strutturale di questi ragazzi. Sono amareggiato per il risultato, ma soddisfatto per la reazione. La partita ce la siamo giocata e nella ripresa quella traversa incredibile poteva essere una svolta. Dobbiamo lavorare sull’aspetto offensivo per proporre soluzioni che ci possano portare al gol. Ci vuole però cattiveria e determinazione altrimenti la strada si fa difficile. Non dobbiamo mollare: la situazione è delicata, ma la reazione c’è stata. Bisogna fare gol e ritrovare gli equilibri dietro. Abbiamo creato quattro occasioni nitide, ma anche concesso qualcosa dietro”.

Anche Antonio Rozzi, autore del gol della Lazio, ha commentato la prestazione della squadra:

Abbiamo preso un uno-due nel giro di pochissimi minuti e la gara si è messa subito in salita. Abbiamo reagito siglando immediatamente il 2-1 e ho avuto anche un’occasione per pareggiare, ma gliel’ho tirata addosso. Poi ci siamo bloccati per timore ed è stato tutto più difficile. I ragazzi hanno qualità, il discorso è mentale. Ho visto che sono bloccati, manca la consapevolezza dei propri mezzi e la tranquillità per affrontare con maggiore libertà le partite. Allenandomi con loro le qualità le ho viste, ma si tende ad avere quei cinque minuti di black-out e poi diventa difficile riprenderla. Il mister sta cercando di trasmetterci serenità. La situazione è difficile, dobbiamo far scattare la scintilla per ritrovare autostima. Bisogna lavorare andando avanti per avere quella costanza che ci possa permettere di non subire quei gol in pochi minuti. Segnare è sempre bello per un attaccante così come poter giocare, quando si riesce anche a vincere poi è il massimo. Sono contento comunque di avere la possibilità di dare il mio contributo allenandomi e giocando con la Primavera.”

Cittaceleste.it

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

LE ULTIME DA FORMELLO

STEAUA-LAZIO: UNA VITA DA LAZIALE

Seguici anche su Facebook!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy