• SEGUI LA LAZIO IN DIRETTA: ACCENDI IL CANALE 85 DELLA TUA TV!

Lazio vs Napoli / Sarri contro Inzaghi, i maniaci dell’organizzazione

di redazionecittaceleste
inzaghi
ROMA – Hanno vissuto apparentemente agli antipodi pure la vigilia. Maurizio Sarri, suo malgrado, in silenzio: «È una scelta della società e come dipendente devo rispettarla ». Simone Inzaghi mettendoci la faccia, con sfrontatezza. «Questo Napoli vale quanto la Juve: dovremo avere il coraggio di attaccarlo, giocando una partita molto aggressiva ». Rubare l’idea ai rivali: è questa la strategia studiata dal rampante allenatore della Lazio, che – come scrive Repubblica – sta già dimostrando d’avere il phisique du rôle per pilotare una squadra di vertice, anche se stasera è soltanto alla panchina numero 50 in serie A. Ne conta un po’ di più (118) il suo collega, che ha alle spalle soprattutto il vissuto di una lunghissima gavetta nei campionati minori, in cui ha dovuto sgomitare per 19 stagioni prima di guadagnarsi un posto al sole, dopo aver rinunciato al posto in banca. Sarri e Inzaghi appartengono a due generazioni differenti, sono agli opposti nel look e nella comunicazione, il primo è uno studioso di calcio, il secondo l’ha giocato a livelli alti.  Ma nella sostanza si assomigliano, più di quanto suggeriscano le apparenze.
È un duello fra tecnici che stanno imponendosi con una concezione del gioco quasi speculare, meticolosa e moderna nell’organizzazione, grazie all’applicazione degli schemi quasi maniacale. Gli interpreti delle due squadre, in campo, devono solamente eseguirli a memoria. Non si contano i gol del Napoli segnati grazie ai tagli di Insigne e agli inserimenti alle spalle dei difensori avversari di Mertens e Callejon: ormai noti a tutti, eppure micidiali, pure domenica con il Benevento. Anche la Lazio arriva spesso davanti al portiere avversario in fotocopia, sfondando dalla fascia sinistra, con i cross dal fondo che stanno esaltando in particolare il killer instinct di Immobile, come è appena capitato (di nuovo) a Genova. Si sa come colpiranno, ma fermarli è difficile lo stesso. «Il Barcellona ha giocato per nove anni nello stesso modo e ha continuato a vincere», ha detto di recente Sarri, senza arrossire per il paragone irriverente. Può permetterselo, numeri alla mano, perché nei cinque campionati top d’Europa nessuno è riuscito a segnare quanto il Napoli: 15 gol in 4 giornate. Gli azzurri sono sempre andati a bersaglio nelle ultime 22 partite e vantano una striscia aperta in serie A di 16 gare (14 vittorie e 2 pareggi), a cavallo tra lo scorso campionato e quello appena iniziato. Pure la Lazio sta facendo sul serio: 10 punti in classifica (3 successi e un pari), debutto vincente in Europa League e il trionfo di agosto nella Supercoppa Italiana, con la Juve. Si annuncia una sfida ad armi pari, in cui la stanchezza potrà avere il suo peso. I gemelli diversi della panchina hanno in comune del resto anche l’idiosincrasia per il turn over. E questa, più che mai, è una notte da titolarissimi
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy