• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Signori e Signore, ecco a voi Luis Alberto

Signori e Signore, ecco a voi Luis Alberto

Luis Alberto si è preso letteralmente la scena in Milan-Lazio

di redazionecittaceleste

ROMA – La serata del 3 novembre 2019 ha sancito un momento importante della pluricentenaria storia della Lazio. I biancocelesti dopo trent’anni sono tornati ad espugnare San Siro a tinte rossonere. Un 1-2 rifilato al Milan che spedisce la squadra di Inzaghi al quarto posto in classifica e a una lunghezza dal terzo.

La compagine di Pioli ha provato in tutti i modi a mettere i bastoni tra le ruote al club capitolino. Il tecnico emiliano l’aveva anche preparata bene, ma alla fine la qualità della Lazio ha avuto la meglio, e quando si parla di qualità non si può non menzionare Luis Alberto.

SIGNORI E SIGNORE, ECCO A VOI IL MAGO 

Se fino ad ora vi era qualche dubbio sull’importanza di Luis Alberto per i risultati della Lazio, la prova messa in scena dal numero 10 contro il Milan probabilmente ha dato tutte le risposte che servivano anche ai più scettici. Il Mago, perché ormai è un dato di fatto oltre che un soprannome, è stato il protagonista indiscusso sul rettangolo di gioco. Difficile dare un voto inferiore all’8 al calciatore spagnolo. Molto attivo nel pressing, diverse volte riesce anche a recuperare palla, e una volta presa quest’ultima sono guai per i rossoneri.

Non sbaglia una scelta. Allarga il gioco oppure verticalizza esattamente quando è il momento di farlo. Per almeno tre volte manda a tu per tu col portiere i suoi compagni. In un caso Immobile, ma Ciro prende la traversa. In altri due Correa. Il Tucu il primo invito lo spreca, ma il secondo non può proprio sbagliarlo. In quest’ultimo caso, Luis Alberto manda in porta il compagno con una semplicità disarmante. Guarda fino all’ultimo Cataldi sulla sinistra solamente per aspettare il momento giusto per lanciare Correa con un no-look.

Il Mago sta sciorinando delle prestazioni nettamente sopra le righe in questo inizio di stagione. È mancato solamente in due occasioni: una contro l’Inter e l’altra contro l’Atalanta. Poi un predominio tecnico indiscusso che sta dando i suoi frutti sia in termini di gol che di statistiche. Con quello di ieri sera a San Siro sono ben 8 gli assist in 11 partite di Serie A, e uno in due tre di Europa League (anche se lui ne ha giocata solamente una). Numeri da capogiro che gli permettono di essere uno dei leader a livello europeo, e El Diez sembra proprio sentirsi a suo agio in questi panni. Non fa più dichiarazioni sopra le righe, è concentratissimo su ogni gara. Ieri ha commentato il tabù sfatato con questa frase: “Con 3 punti in più tutto è più bello”, ma la sensazione è che quest’ultima vada modificata così: “Con un Mago così è tutto più bello”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy