• ACCENDI LA TV, SUL CANALE 85 SIAMO IN DIRETTA: TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SULLA SSLAZIO!

Bologna, Mihajlovic: “La Lazio avrà zero preoccupazioni. Insulti prima della finale? Si sono scusati”

Il tecnico del Bologna ed ex calciatore della Lazio, Sinisa Mihajlovic, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida con i biancocelesti

di redazionecittaceleste

ROMA – Il tecnico del Bologna ed ex calciatore della Lazio, Sinisa Mihajlovic, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida con i biancocelesti. Queste le sue parole in merito alla gara che si disputerà allo stadio Olimpico domani sera.

Qual è l’obiettivo attuale? “L’obiettivo rimane la salvezza, dopo penseremo ad andare il più avanti possibile. Sono rimaste due partite e dobbiamo provare a ottenere sei punti, in quel modo penso che arriveremo anche decimi”.

Sulla sfida di domani: “Mi fa piacere tornare all’Olimpico a giocare contro la Lazio. Sappiamo di incontrare una squadra forte, che però ha vinto la Coppa Italia ed è già qualificata in Europa League. Siamo consci di incontrare una squadra che avrà la testa libera da preoccupazioni. Noi giocheremo per vincere, anche se sappiamo che non sarà semplice. Loro ci metteranno in difficoltà, ma se noi giocheremo come sappiamo faremo altrettanto”.

“Orsolini sta bene, ha saltato il primo allenamento settimanale ma non ha nessun problema, come evidenziato dagli esami svolti”.

Sulla finale di Coppa Italia: “La Lazio è una squadra fisica, oltre che tecnica. In Coppa Italia non è stata una partita molto emozionante, ma bella dal punto di vista dell’intensità. Credo che i biancocelesti abbiano vinto con merito”.

Sugli avvenimenti fuori dall’Olimpico in cui è stato coinvolto il tecnico: “Io ho parlato di ciò che è accaduto perché era stato accusato un tifoso della Lazio, ma così non è stato. Posso capire fino a un certo punto anche la tensione del poliziotto, considerando la situazione complicata da gestire. Si sono comunque tutti scusati, in primis il capo della Digos che mi ha telefonato. Non voglio denunciare nessuno, se non fosse stato accusato un tifoso della Lazio non avrei neppure parlato dell’accaduto. E’ sempre razzismo dire a qualcuno ‘zingaro di m…’, allo stesso modo di insultare una persona di colore, ma nessuno ha mai detto nulla a riguardo. Il problema è che troppo spesso si fa finta di niente. Comunque, non ho mai trovato nessuno che me lo dica in faccia”.

Sull’affetto dei tifosi: “A Genova e a Milano i tifosi mi hanno apprezzato e ne sono felice. Basta perdere due partite e tutti smettono di osannarti, io cerco sempre di essere equilibrato e di trasmettere questo equilibrio ai membri del mio staff e alle persone con cui lavoro. Come diceva Berlusconi, quando vince sei un bel ragazzo, quando perdi sei una testa di c…”.

Sul passato da giocatore della Lazio: “Eriksson è uno dei pochi allenatori apprezzati anche dai giocatori che giocavano poco. Alla Lazio avevamo giocatori forti e di carisma, un bello spogliatoio. Non era facile gestire gente come me, Couto, Simeone, Stam… succedevano diverse cose, che però rimanevano all’interno. Non andavamo tutti d’accordo, però in campo questo non si notava. Eriksson era l’allenatore migliore per capire e gestire una situazione del genere. Abbiamo vinto ciò che abbiamo vinto non certo per caso, anche se credo che potessimo conquistare anche qualche altro trofeo”.

Sul futuro: “Prima di tutto parlerò con il Bologna. E’ una questione di rispetto. Poi non lo so cosa succederà, vedremo cosa la società avrà da dirmi e da lì si procederà, passo per passo, per capire cosa accadrà”.

DAL 2 MAGGIO CITTACELESTE TV LA TROVI SUL CANALE 85 DEL TUO DIGITALE TERRESTRE. RISINTONIZZA I CANALI E RESTA CONNESSO H 24 AL MONDO LAZIO!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy