• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Udinese, Tudor: “Dobbiamo fare bene. La Lazio mi piace tanto”

Udinese, Tudor: “Dobbiamo fare bene. La Lazio mi piace tanto”

Le parole di Igor Tudor, tecnico dell’Udinese, in conferenza stampa

di redazionecittaceleste

ROMA – Tra le polemiche post Milan-Lazio, i biancocelesti non devono perdere di vista la determinante sfida contro l’Udinese.

 

Ha parlato del match in conferenza stampa il tecnico dei friulani, Igor Tudor. Ecco come si è espresso: “La mia squadra deve fare punti contro una che gioca per la Champions. Fare bene è la mia richiesta principale. Non c’è l’obbligo del risultato che da un punto di vista psicologico è peggio rispetto a concentrarsi sulla prestazione. Il risultato è una conseguenza. Dobbiamo scendere in campo per affrontare una squadra che mi piace tanto. Loro hanno un traguardo importante da raggiungere come del resto lo abbiamo noi. Veniamo da una buona prestazione contro la Roma, dove abbiamo visto cose interessanti. L’importante è continuare a creare e avere sempre la voglia di segnare. Abbiamo subìto un gol un po’ strano ma guardiamo con fiducia al futuro”.

Sulla Lazio e la probabile formazione: “Alla mia squadra servirebbe un buon periodo di allenamento per trovare la giusta intensità. Abbiamo alcuni calciatori che si stanno riprendendo ora. Questo ti influenza perché hai meno cambi a disposizione. La Lazio esprime un buon calcio. Inzaghi ha dato uno stile che mi piace molto. I biancocelesti hanno tanta qualità e giocatori straordinari. Per la sfida ci saranno alcune variazioni da parte nostra perché giochiamo tre volte in una settimana. Contro la Roma loro sono stati furbi a continuare a giocare in un episodio dubbio, e con questo dettaglio hanno vinto. L’importante è imparare dagli errori. Samir è diventato papà e potrebbe avergli tolto un po’ di lucidità. Sua moglie era in ospedale. Per questo motivo giustificare quello che ha fatto”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy